“È stata la mano di Dio”: perché il titolo del nuovo film di Sorrentino cita Maradona?

Il nuovo film di Paolo Sorrentino sarà prodotto da Netflix e girato a Napoli. Il titolo, 'È stata la mano di Dio', ribadisce il legame con Diego Armando Maradona.

“È stata la mano di Dio”: perché il titolo del nuovo film di Sorrentino cita Maradona?

“È stata la mano di Dio”: il nuovo film di Sorrentino sarà prodotto da Netflix

Paolo Sorrentino ha annunciato il suo nuovo film, È STATA LA MANO DI DIO, che sarà co-prodotto da Netflix e dalla neonata The Apartment Pictures di Lorenzo Mieli.
Si tratta della seconda collaborazione tra Netflix, Mieli e Sorrentino, che hanno ha già lavorato insieme all’antologia di corti HOMEMADE (2020).

La trama del nuovo film di Sorrentino

La trama del film È STATA LA MANO DI DIO è ancora sconosciuta e non si conoscono dettagli sul cast, sulla data di uscita del lungometraggio e sulle sue modalità di distribuzione.
Intanto, Variety riporta una dichiarazione di Sorrentino: “Rappresenta il mio primo film intimista e personale, un romanzo di formazione allo stesso tempo spensierato e doloroso”.
Sorrentino ha dichiarato di essere entusiasta di tornare a girare a Napoli, la sua città natale, circa 20 anni dopo il suo primo film, L’UOMO IN PIÙ (2001).

La leggenda della “mano de Dios”: Maradona e i gol di Messico ’86

“La mano di Dio” è un’espressione che vi suona familiare?
Il titolo del nuovo film di Sorrentino richiama un famoso episodio della storia del calcio. Il 22 giugno 1986, durante la partita di calcio Argentina – Inghilterra valida per l’accesso a una delle semifinali dei Mondiali in Messico, il capitano argentino Diego Armando Maradona segnò il primo gol della partita, accompagnando il pallone in rete con un braccio. Nonostante le proteste inglesi, l’arbitro convalidò il gol di Maradona. Per la cronaca, l’incontro terminò 2-1 per l’Argentina, con il secondo (spettacolare) gol segnato ancora dal capitano.
Durante la conferenza stampa post-partita, parlando della prima rocambolesca rete, Maradona pronunciò una frase entrata nella storia dello sport e nell’immaginario collettivo. Come era stato segnato il gol? “Un poco con la cabeza de Maradona y otro poco con la mano de Dios (Un po’ con la testa di Maradona e un po’ con la mano di Dio)”.
L’Argentina vinse anche le due partite successive e venne eletta squadra campione del mondo. Maradona era all’apice della sua carriera.

Paolo Sorrentino e il legame con Maradona

A questo punto, perché il titolo del nuovo film di Sorrentino cita la famosa dichiarazione di Maradona?
Sorrentino è un grande appassionato di calcio ed è un tifoso del Napoli, in cui Maradona ha militato dal 1984 al 1991, vincendo un campionato (1986-1987), una Coppa Italia (1987), una Coppa UEFA (1989) e una Supercoppa Italiana (1990).
Ma Maradona è un personaggio fondamentale della vita di Sorrentino non solo per le sue imprese sportive.
In un’intervista a Variety del 2015, il regista, premio Oscar per il film LA GRANDE BELLEZZA (2013), ha raccontato che la sua vita è stata segnata significativamente da Maradona. “Al di là di tutto quello che posso dire su di lui, Maradona mi ha salvato la vita a sua insaputa. I miei genitori sono morti quando avevo 16 anni. Sono stati uccisi dai fumi dell’impianto della casa in montagna dove, di solito, trascorrevamo insieme le vacanze. Ma quel fine settimana non ero con loro, perché volevo assolutamente vedere Maradona e il Napoli giocare a Empoli. E questa cosa mi ha salvato la vita”.

L’omaggio di Sorrentino a Maradona

facebook maradona ringrazia paolo sorrentino citazione youth

Il post pubblicato sul profilo ufficiale Facebook di Maradona che, nel 2015, ringraziava Sorrentino

È STATA LA MANO DI DIO non sarà un film su Maradona.
In quest’ottica, il titolo del prossimo film di Sorrentino assume connotati emblematici e le dichiarazioni del regista italiano in merito alla natura intima e personale del suo nuovo lavoro acquistano un valore determinante.
Non è la prima volta, però, che Sorrentino inserisce Maradona nei suoi film. Nel 2015, il regista ha citato l’ex calciatore in una scena di YOUTH – LA GIOVINEZZA, usando un sosia di Maradona.
All’epoca dell’uscita del film, Maradona sembrò apprezzare molto gli omaggi di Sorrentino.

L’avvocato di Maradona prova a fare causa a Netflix

[Aggiornamento del 13 luglio 2020]
Nelle scorse ore, tramite Twitter, l’avvocato di Maradona, Matias Morla, ha reso noto che, insieme a un team di legali italiani, si sta muovendo per fare causa a Netflix per uso indebito dell’immagine del “pibe de oro”, che, a quanto pare, è un marchio registrato.


Stando alle notizie diffuse finora sul nuovo film di Sorrentino e sulla causa mossa da Morla, però, l’azione legale sembra ingiustificata. È STATA LA MANO DI DIO dovrebbe basarsi su ricordi personali della vita di Sorrentino e potrebbe non prevedere necessariamente l’uso dell’immagine del calciatore.
[Fine aggiornamento].

Lascia un commento

jfb_p_buttontext