“Métaphysique des tubes”: il film a cartoni animati tratto dal romanzo di Amélie Nothomb

Il famoso romanzo autobiografico 'Metafisica dei tubi' di Amélie Nothomb è diventato un nuovo film a cartoni animati francese. Ecco il trailer.

“Métaphysique des tubes”: il film a cartoni animati tratto dal romanzo di Amélie Nothomb

“Metafisica dei tubi” della Nothomb diventa un cartone animato

Cartoon Media, l’associazione no-profit belga che si occupa della promozione dell’industria del cinema di animazione, ha diffuso in esclusiva il trailer del film a cartoni animati MÉTAPHYSIQUE DES TUBES.
Il lungometraggio d’animazione è tratto dal romanzo Metafisica dei tubi della scrittrice belga Amélie Nothomb. MÉTAPHYSIQUE DES TUBES segna l’esordio alla regia dell’animatrice Liane-Cho Han, già nei cast tecnici di film famosi a cartoni animati come L’ILLUSIONISTA (L’illusionniste, 2010) di Sylvain Chomet e CALAMITY – UN’INFANZIA DI MARTHA JANE CANNARY (Calamity, 2020) di Rémi Chayé (2020).
La sceneggiatura è stata curata a quattro mani dalla Chan e da Aude Py.

  • Nuovi cartoni animati: la trama di “Metafisica dei tubi”

    Il film MÉTAPHYSIQUE DES TUBES è prodotto da Forse Movies e Ikki Films, due studi con produzioni e target diversi (film per tutta la famiglia il primo, cortometraggi d’autore il secondo), che si sono riuniti per lavorare a una storia dai risvolti filosofici che, però, può risultare accessibile a un vasto pubblico.
    MÉTAPHYSIQUE DES TUBES è una storia autobiografica. Il libro e il film raccontano la storia di Amélie, una bambina nata in Giappone da genitori belgi.
    A soli due anni e mezzo, Amélie ha una certezza. Nonostante che sia ancora così piccola, la bimba è convinta di essere una divinità intorno a cui ruota l’intero universo e, ovviamente, la vita dei propri genitori. Le sue certezze crollano, quando Amélie viene a sapere che lei e la sua famiglia dovranno lasciare il Giappone.

Il trailer del film e un’intervista alla regista Liane-Cho Han

La resa estetica finale, i cromatismi e il character design ricordano i film di Rémy Chaye, come SASHA E IL POLO NORD (Tout en haut du monde, 2015), in cui l’animazione tradizionale in 2d viene integrata dalla computer graphic. Ma, basandosi sul trailer, il magazine Catsuka, organo editoriale di Cartoon Media, nota l’uso di effetti e materiali più ricchi, tesi a ottenere un effetto molto simile a un particolare filone di illustrazione per l’infanzia.
Insieme a una breve intervista alla regista Liane-Cho Han, su Catsuka trovate in esclusiva anche il primo trailer francese di MÉTAPHYSIQUE DES TUBES con sottotitoli in inglese e giapponese.
La data di uscita e le modalità di distribuzione del film d’animazione non sono state ancora rese note.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext