I Magnifici 7 – I film di Bernardo Bertolucci in streaming

Per scoprire e riscoprire la maestria di Bernardo Bertolucci, NientePopcorn.it vi segnala alcuni film del grande regista attualmente disponibili in streaming legale e gratuito.

, di
I Magnifici 7 – I film di Bernardo Bertolucci in streaming

Bernardo Bertolucci, Maestro del cinema internazionale

Addio a Bernardo Bertolucci, Maestro del cinema mondiale, italiano per nascita e formazione ma latore della bellezza e della ricchezza dell’Arte a livello internazionale.
Bertolucci è morto stamane, a Roma, all’età di 77 anni, dopo una lunga malattia che, da tempo, lo costringeva su una sedia a rotelle.
Figlio del poeta Attilio e poeta anch’esso, vincitore del Premio Viareggio nel 1960, fratello del regista Giuseppe (scomparso nel 2012), amante dell’opera lirica, il giovane Bernardo ha esordito nel cinema come aiuto regista del film ACCATTONE (1961) di Pier Paolo Pasolini, di cui, a Roma, la famiglia Bertolucci era dirimpettaia. Il soggetto del suo primo film, LA COMMARE SECCA (1962), porta proprio la firma di Pasolini.

I temi del cinema di Bernardo Bertolucci

I Magnifici 7 – I film di Bernardo Bertolucci in streaming

Bertolucci e Brando sul set di “Ultimo tango a Parigi” © Cinecittà News

La filmografia di Bertolucci si concentra presto sul concetto di anticonformismo sociale e di ribellione e, nel corso degli anni Settanta, produce alcuni dei suoi episodi migliori: IL CONFORMISTA (1970) da un romanzo di Alberto Moravia, STRATEGIA DEL RAGNO (1970) da Sartre, l’affresco nazionale di NOVECENTO (1976). Lo “scandaloso” ULTIMO TANGO A PARIGI (1972), in cui il sesso viene usato come elemento di liberazione dell’individuo, gli è costato un anatema civile e l’interdizione dal voto per diversi anni.
Nel 1988, Bertolucci trionfa alla Notte degli Oscar con L’ULTIMO IMPERATORE (1987). Il film vince 9 Oscar, fra cui quello per la miglior regia: è la prima vittoria di un regista non anglofono in questa categoria.

7 film di Bernardo Bertolucci da vedere in streaming

Per scoprire e riscoprire il cinema di questo grande autore, per la rubrica periodica I Magnifici 7, NientePopcorn.it vi propone alcuni film di Bernardo Bertolucci attualmente disponibili legalmente in streaming, su varie piattaforme online.

I contenuti che vi segnaliamo sono fruibili perlopiù gratis (anche grazie ai periodi di prova offerti dai vari servizi streaming in abbonamento disponibili in Italia). In caso di noleggio dei film indicati, al momento della stesura di questo articolo, le cifre proposte dagli store online non superano €2,99.

    • Io e te
      6.4/10 129 voti

      7. Io e te

      L’ultimo film di fiction diretto da Bertolucci è IO E TE (2012). Tratto dall’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti, che ha partecipato all’adattamento cinematografico insieme al regista, a Umberto Contarello e a Francesca Marciano, IO E TE ha vinto 6 David di Donatello 2013, fra cui quelli per la miglior regia e il miglior film, e il Nastro d’Argento dell’anno.
      Quasi un dramma da camera con due personaggi in scena (interpretati dagli esordienti Jacopo Olmo Antinori e Tea Falco), IO E TE ripropone il tema della fratellanza, di sangue o di sentimenti, e della ribellione giovanile.
      Disponibile su: Netflix (abbonamento)

    • The Dreamers
      6.8/10 588 voti

      6. The Dreamers – I sognatori

      THE DREAMERS – I SOGNATORI (The Dreamers, 2003) è il canto d’amore di Bertolucci a un’epoca di profondi cambiamenti sociali e artistici che il regista ha vissuto in prima persona.
      Il film è ambientato a Parigi, durante la primavera del ’68: studenti, artisti, intellettuali e cineasti stanno provando a cambiare il mondo. Durante i giorni della famosa occupazione della Cinèmatheque, in un elegante eppure informale appartamento borghese del centro città, uno studente americano (Michael Pitt) e due fratelli gemelli (Eva Green e Louis Garrel, significativamente figlio e figlioccio non solo d’arte di due protagonisti del Maggio parigino e della Nouvelle Vague, Maurice Garrel e Jean-Pierre Léaud) si isolano da tutto e creano un universo indipendente, dominato da nuove concezioni estetiche e dalla scoperta della sessualità.
      Disponibile su: Rakuten (noleggio) 

    • Ultimo tango a Parigi
      7.2/10 268 voti

      5. Ultimo tango a Parigi

      Il film maudit di Bertolucci, ULTIMO TANGO A PARIGI (1972), che, nel 1976, finì addirittura al rogo, è un viaggio all’interno dell’erotismo e del sentimento, un abbandono sensuale e istintivo alla carne e alla trasgressione, un allontanamento consapevole dalle responsabilità imposte dal sistema sociale. A dispetto della pesante censura che il film incontrò in Italia, ULTIMO TANGO A PARIGI fu tra i titoli più visti al cinema durante la stagione ’72-’73 e Bertolucci vinse il Nastro d’Argento come miglior regista, ricevendo anche una nomination agli Oscar. Il ruolo di Paul, uomo di mezza età disilluso e perduto, segnò una tappa importante nella seconda fase della carriera di Marlon Brando, entrando di diritto nella sua galleria personale di antieroi e di folli al crepuscolo.
      Disponibile su: Rai Play

    • Strategia del ragno
      7.4/10 17 voti

      4. Strategia del ragno

      Bertolucci è nato a Parma e, benché il regista si sia formato a Roma, l’Emilia è comparsa diverse volte nei suoi film. Prima del più famoso e monumentale NOVECENTO (1976), Bertolucci ha girato nei luoghi della sua infanzia STRATEGIA DEL RAGNO (1970), un dramma onirico e ipnotico che affronta i temi del mito, della memoria, del conflitto coi padri.
      Tratto dal racconto Tema del traditore e dell’eroe (1944) di Jorge Luis Borges, il film STRATEGIA DEL RAGNO è una fiaba metafisica che, usando anche un interessante simbolismo, parla di revisionismo e coscienza.
      Disponibile su: Rai Play

    • La commare secca
      7.5/10 13 voti

      3. La commare secca

      LA COMMARE SECCA (1962), esordio alla regia di un Bertolucci appena ventunenne su soggetto di Pier Paolo Pasolini e co-sceneggiatura di Sergio Citti, venne presentato alla 23ma edizione della Mostra del cinema di Venezia.
      Ancora acerbo e lontano dalla potenza estetica dei suoi lavori successivi, LA COMMARE SECCA è un buon esempio di sperimentazione narrativa e formale che ha portato Bertolucci a camminare su un sentiero diverso da quello che dal Neorealismo giungeva alla forma-cinema esplorata da Pasolini.
      Disponibile su: Infinity (abbonamento)

    • L'ultimo imperatore
      7.5/10 164 voti

      2. L’ultimo imperatore

      Pur essendo profondamente autorale, L’ULTIMO IMPERATORE (1987) è il film più hollywoodiano di Bertolucci. Non è il suo primo kolossal, per durata e investimenti, ma è certo il film che, in termini di magniloquenza e raffinatezza, mostra un grande respiro epico e internazionale, nel solco delle grandi produzioni à la Cecil B. de Mille.
      Il contesto storico e il materiale biografico di ispirazione, l’autobiografia Sono stato imperatore di Pu Yi, ultimo imperatore Qing della Cina, un nuovo anticonformista bertolucciano, sono l’abbacinante cornice di una parabola sul passaggio fra due Ere.
      Il film ha vinto nove Oscar, fra cui miglior film e miglior regia, e nove David di Donatello.
      Disponibile su: TimVision (noleggio)

    • Il Conformista
      7.9/10 86 voti

      1. Il conformista

      IL CONFORMISTA (1970) rappresenta la concreta affermazione artistica di Bertolucci. Insieme a LA STRATEGIA DEL RAGNO, IL CONFORMISTA è un film apertamente politico, una critica aperta all’incapacità dell’Italia di farsi carico delle proprie responsabilità morali nei confronti dell’esperienza fascista.
      In questo adattamento dell’omonimo romanzo di Alberto Moravia, Jean-Louis Trintignant è Marcello, un medico che, nel corso della sua vita, per emergere all’interno di una marea umana indistinta, fa qualcosa di estremamente illogico: conformarsi alla folla.
      Premiato a Berlino e ai David, il film di Bertolucci ha ricevuto una nomination ai Golden Globe come miglior lungometraggio in lingua straniera e agli Oscar per la miglior sceneggiatura non originale.
      La preziosa fotografia del film è stata curata da Vittorio Storaro che, a partire da questo lavoro, è diventato un assiduo collaboratore di Bertolucci.
      Disponibile su: Amazon Prime Video (abbonamento)

CATEGORIE: I Magnifici 7

2 commenti

  1. nadler / 26 novembre 2018

    A proposito de “L’ultimo imperatore”, ricordo che quando usci’ , prima dell’assegnazione degli Oscar, eravamo, si e no, una ventina di spettatori a vederlo in una sala della mia zona (Marche). Fu riprogrammato dopo i premi e stavolta, come per miracolo, la sala fu piena.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext