Miyazaki-san, la computer graphic e un bruco in 3D

Miyazaki Hayao torna sui suoi passi: il richiamo dell'animazione è troppo forte, così, affascinato dalle nuove tecnologie, ha annunciato che realizzerà un nuovo film in CGA. Lo vedremo solo fra tre anni. Intanto, al cinema, arriva "Marnie".

, di

MIYAZAKI INTERROMPE IL SUO RITIRO DALLE SCENE

A dispetto di quanto dichiarato a Venezia 2013 in merito ad un suo ritiro definitivo dal mondo dell’animazione segnato dalla release di SI ALZA IL VENTO (Kaze Tachinu, 2013), Miyazaki Hayao ritratta e annuncia di voler realizzare un nuovo cortometraggio animato.
Come se questa non fosse già una notizia di una certa rilevanza per gli appassionati di animazione di tutto il mondo, il co-fondatore dello Studio Ghibli rivela che si tratterà di un film in computer graphic e in 3D: insomma, uno dei paladini dell’animazione tradizionale ha capitolato davanti alle nuove tecnologie.
Non che nei suoi lavori, da PRINCIPESSA MONONOKE (Mononoke Hime, 1997) in poi, l’uso del computer sia stato totalmente assente, ma, tra i tanti suoi pregi, l’arte di Miyazaki è nota anche per la sua realizzazione artigianale.

UN CORTOMETRAGGIO DEDICATO ALLA VITA DI UN BRUCO

Arrivato alla soglia dei 74 anni, Miyazaki-san “(…) si era stufato di occuparsi solo del Museo Ghibli. Aveva bisogno di smanettare cose nuove”, ha dichiarato il figlio Goro (LA COLLINA DEI PAPAVERI, 2011).
Il cortometraggio animato a cui si dedicherà il cineasta giapponese racconterà la vita di un bruco. Benché il minutaggio del film pare si aggiri intorno ai 10 minuti, la produzione del corto richiederà ben tre anni di lavoro: Miyazaki, noto per la cura maniacale riservata alle sue opere, non sembra voler scendere completamente a patti con le semplificazioni offerte dai computer.

NEI CINEMA ITALIANI ARRIVA “QUANDO C’ERA MARNIE”

Mentre, nei mesi scorsi, in Italia è stato distribuito il documentario IL REGNO DEI SOGNI E DELLA FOLLIA (2013) di Sunada Mami che racconta l’attività all’interno dello Studio Ghibli di Miyazaki e Takahata, tra poco più di un mese, per soli tre giorni (24-25-26 agosto) la Lucky Red distribuirà nelle nostre sale l’ultima fatica della casa di produzione giapponese: si tratta di QUANDO C’ERA MARNIE (Omoide no Mânî, 2014), anime di ambientazione contemporanea, dalla vena romantica, ispirato all’omonimo romanzo scritto nel 1967 da Joan G. Robinson e diretto da Yonebayashi Hiromasa (ARRIETTY, 2010).
Ad oggi, si tratta dell’ultimo lavoro prodotto dallo Studio Ghibli prima dello stop imposto nell’estate scorsa, nell’ambito di una ristrutturazione dei vertici della casa di produzione nipponica. Il fatto che Miyazaki intenda dedicarsi ad una nuova opera, però, fa ben sperare per il futuro immediato dello Studio.

[Nella foto: un’immagine di Miyazaki tratta dal documentario IL REGNO DEI SOGNI E DELLA FOLLIA]

1 commento

  1. @marnie: mi pare cosa buona e giusta citarti in questo articolo! 🙂

Lascia un commento

jfb_p_buttontext