Gennaio al cinema: 5 film consigliati da Nientepopcorn.it!

Nientepopcorn.it vi suggerisce i film più interessanti tra quelli in uscita in sala a gennaio: film di ispirazione biografica e letteraria, con tanti candidati ai Golden Globe. Guardate i trailer!

, di

Il 2015 è alle porte e nei cinema italiani sta per arrivare un’infornata di nuovi ed attesi film: il mese di gennaio offrirà una ricca serie di grandi titoli, così Nientepopcorn.it prova fin da ora a fare una difficile cernita e a proporvi cinque pellicole che potrebbero rivelarsi tra i più interessanti film della seconda metà della stagione cinematografica.

Curiosità: gran parte dei film in uscita nelle prossime settimane è composta da film biografici e da soggetti di matrice letteraria.

BIG EYES

Tim Burton torna nei cinema di tutto il mondo con un biopic ispirato ad un’artista particolarmente amata dal cineasta californiano: BIG EYES è il racconto della vicenda artistica e personale di Margaret Keane, pittrice statunitense oggi ottantasettenne, nota per i suoi dipinti raffiguranti bambini dagli occhi grandissimi e tristi, divenuti particolarmente famosi tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Burton colleziona da tempo le opere della Keane e, nel 1990, è arrivato a commissionarle il ritratto della sua fidanzata del tempo.
Il cast di BIG EYES è una parata di stelle: Amy Adams (candidata ai Golden Globes 2015 come Miglior Attrice in un film commedia o musical), il due volte premio Oscar Christoph Waltz, Jason Schwartzmann, Terence Stamp e la sempre più richiesta Krysten Ritter (BREAKING BAD).
Non è la prima volta che Burton si cimenta in un film biografico: ED WOOD (1994), resoconto delle vicissitudini artistiche del regista statunitense di b-movies che da il titolo al film, e perfino BIG FISH (2005), ispirato ad alcuni dettagli privati della famiglia del buon Tim, hanno dimostrato che il cineasta noto soprattutto per l’estetica e le atmosfere gotiche dei suoi film è in grado di raccontare in maniera particolarmente originale anche vicende reali, in cui, però, la fantasia fa prepotentemente capolino.
Dopo essere stato presentato con una premiére al Los Angeles County Museum of Art, a novembre, BIG EYES sarà distribuito nelle sale americane a Natale e arriverà nei cinema italiani l’1 gennaio.

AMERICAN SNIPER

Affidandosi all’adattamento del romanzo autobiografico American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History, l’ottantaquattrenne Clint Eastwood è tornato dietro la macchina da presa per dirigere AMERICAN SNIPER e raccontare a modo suo la storia di un uomo che, con la sua vicenda, non ha mancato di dividere l’opinione pubblica americana. Si tratta di Chris Kyle, soldato della marina USA noto per essere il cecchino più letale dei Navy Seals: ha partecipato a quattro missioni in Iraq, uccidendo diverse centinaia di persone (le fonti ufficiali dicono si tratti di oltre centocinquanta individui, ma forse si tratta di almeno 256) e scampando a numerosi attentati a lui destinati, tanto da meritarsi l’appellativo di Al-Shaitan (“il diavolo”) dagli insurrezionalisti iracheni.
Pubblicato nel 2012, rimanendo per venti settimane nella classifica dei 20 best seller del New York Times, il libro di Kyle (ucciso da un folle nel febbraio 2013) ha interessato dapprima il regista David O’Russell, poi Steven Spielberg. Eastwood, assoldato nell’agosto 2013 dalla Warner Bros. a riprese iniziate, ha firmato una pellicola che non mancherà di suscitare polemiche: film nazionalista? Elegia di rimando di una guerra di occupazione?
Non resta che vederlo: AMERICAN SNIPER, interpretato da un appositamente imbolsito Bradley Cooper, sarà nei cinema italiani dal 1 gennaio.

THE IMITATION GAME

Alan Turing, matematico britannico vissuto nella prima metà del Novecento, è uno degli uomini a cui si deve riconoscere il merito della decriptazione del codice segreto generato dal sistema Enigma, un macchinario crittografico adottato dall’esercito tedesco durante la Seconda Guerra Mondiale per la trasmissione di informazioni riservatissime: l’opera di decifrazione del codice nazista da parte di Turing e dei colleghi che lavorarono con lui nella base segreta inglese di Bletchey Park ha contribuito a fornire importanti dati sulle attività militari della Germania e degli eserciti dell’Asse ai servizi segreti degli Alleati.
Pur insignito del titolo di Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico e pur essendo membro della Royal Society, Turing, uno dei padri dell’informatica, venne perseguitato per la sua dichiarata omosessualità, subendo enormi umiliazioni pubbliche. Morì suicida nel 1954, a soli quarantadue anni.
THE IMITATION GAME, film diretto dal regista norvegese Morten Tyldum, è l’adattamento cinematografico del romanzo biografico Alan Turing: The Enigma scritto da Andrew Hodges.
Benedict Cumberbatch, in lizza per il Golden Globe 2015 come miglior attore drammatico, veste i panni di Turing. Nel cast, altre star britanniche: Keyra Knightley, Matthew Goode, Mark Strong e Rory Kinnear.
THE IMITATION GAME verrà distribuito nei cinema italiani dal 1 gennaio.

HUNGRY HEARTS

Il quinto lungometraggio di Saverio Costanzo, HUNGRY HEARTS, ha segnato il ritorno del regista romano alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, dove la pellicola è stata presentata in concorso per il Leone d’Oro 2014, dopo aver partecipato alla competizione nel 2010, con LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI.
Ambientato a New York ed ispirato ad un romanzo breve di Marco Franzoso (IL BAMBINO INDACO), HUNGRY HEARTS è valso la Coppa Volpi per il Miglior Attore e per la Miglior Attrice ad entrambi i suoi protagonisti, Adam Driver e Alba Rohrwacher, compagna del regista.
L’ossessione per una ricercata purezza ed una maternità gestita con difficoltà sono i presupposti narrativi di quello che lo stesso Costanzo ha definito: un film catartico, che mi ha aiutato a guardarmi diverso nel ruolo di padre”.
HUNGRY HEARTS arriverà nelle sale italiane il 15 gennaio.

LA TEORIA DEL TUTTO

Jane Wilde è stata la prima moglie di Stephen Hawking, il celebre matematico ed astrofisico britannico da tempo costretto su una sedia a rotelle per via di una malattia degenerativa, in grado di comunicare verbalmente, ormai, solo grazie ad uno speciale sintetizzatore vocale.
Jane e Stephen si sono conosciuti nel 1963, a Cambridge, dove entrambi frequentavano l’università. La coppia si è divisa nel 1991, ma i due hanno mantenuto buoni rapporti, trasformatisi in una collaborazione di natura lavorativa negli anni successivi. Nel 1999, Jane ha scritto una biografia nella quale descriveva la sua vita con Hawking: ripubblicato nel 2008 con un nuovo titolo (Travelling to Infinity: My Life With Stephen), il libro ha fornito il soggetto per il film LA TEORIA DEL TUTTO diretto dal regista britannico James Marsh.
Interpretato da Eddie Redmayne e Felicity Jones, LA TEORIA DEL TUTTO verrà distribuito nei cinema italiani dal 15 gennaio.

KUBRICK EVENTO SPECIALE

Dal 12 gennaio, nell’ambito del progetto Il Cinema Ritrovato promosso dalla Cineteca di Bologna, tornerà sui grandi schermi italiani BARRY LYNDON (1975), il sontuoso lungometraggio in costume di ispirazione letteraria diretto da Stanley Kubrick.

[Nella foto: Benedict Cumberbatch in THE IMITATION GAME]

Lascia un commento

jfb_p_buttontext