Come guardare “The Witcher” senza fare confusione: la guida alla serie fantasy Netflix

'The Witcher' è la nuova serie tv fantasy Netflix. Finora, ha riscosso un buon successo, ma gli spettatori si lamentano della trama intricata. Ecco la guida alla storia di Geralt di Rivia.

Curiosità , di
Come guardare “The Witcher” senza fare confusione: la guida alla serie fantasy Netflix

“The Witcher”, la nuova serie tv fantasy Netflix

Una delle ultime serie Netflix uscite nel 2019 è THE WITCHER, un nuovo telefilm fantasy ispirato ai racconti e ai romanzi dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski che costituiscono un ciclo letterario conosciuto come la Saga di Geralt di Rivia e pubblicato tra il 1990 e il 2013.
Questo non è il primo adattamento della saga. Dai lavori di Sapkowski sono stati tratti anche il film polacco THE HEXER (Wiedźmin, 2001), una serie tv di produzione polacco-statunitense con lo stesso titolo (2002), i fumetti pubblicati dalla Dark Horse dal 2014 e The Witcher, un videogame action RPG di grande successo di cui, a partire dal 2007, sono stati sviluppati diversi capitoli destinati a varie piattaforme.

  • The Witcher
    6.9/10 79 voti
    Leggi la scheda

    Le reazioni alla prima stagione di “The Witcher”

    La prima stagione di THE WITCHER, composta da 8 episodi, è stata pubblicata sul catalogo Netflix Italia il 20 dicembre.
    Finora, sembra che la serie tv sia stata ripagata da un buon apprezzamento da parte del pubblico internazionale, ottenendo una interessante media voti anche su NientePopcorn.it. Basta cliccare sulla locandina qui accanto, per aprire la scheda-serie tv e scoprire voti e commenti dei nostri utenti.
    Secondo la data company statunitense Parrot Analytics, nella settimana tra il 22 e il 28 dicembre 2019, THE WITCHER è stata la serie tv più cercata sul web, con 127 milioni di demand expressions, un parametro tarato su desiderio, coinvolgimento e numero di spettatori di una serie. Come riporta Business Insider, al secondo posto, nello stesso periodo, c’era THE MANDALORIAN, la serie tv di fantascienza spin-off della saga di Star Wars disponibile sulla piattaforma Disney+.
    Il successo ottenuto dalla nuova serie tv fantasy ha spinto Netflix ad annunciare subito la produzione di THE WITCHER 2, che dovrebbe essere distribuita nel 2021.

La complessa trama di “The Witcher”

Però, c’è un problema rilevante che la grande maggioranza degli spettatori ha riscontrato nella serie: la complicata sequenza temporale degli eventi.
La serie tv è stata pensata per interessare anche il pubblico che non ha mai letto i libri di Sapkowski o giocato con il videogame. Ma le varie timeline di THE WITCHER, che coprono un arco temporale di circa 65 anni, si sono rivelate ostiche per tutti.
La difficoltà maggiore legata alla comprensione della trama di THE WITCHER sta nel fatto che i salti temporali non vengono annunciati da particolari dettagli narrativi o tecnici e che gli eventi di epoche diverse si mischiano fra loro, mostrando personaggi che, in alcuni casi, sembrano invecchiare quasi per niente.

Da questo momento, occhio agli spoiler!

“The Witcher”: chi è Geralt di Rivia? Cosa è uno strigo? E dove si svolge la storia?

the witcher geralt di rivia henry cavill spada

Geralt di Rivia

Il protagonista di THE WITCHER è Geralt di Rivia, uno strigo, cioè un essere umano modificato geneticamente per combattere i mostri che assediano il Continente senza nome in cui si svolge la storia.
Nella serie tv fantasy Netflix, Geralt è interpretato dall’attore americano Henry Cavill. La scelta non si è rivelata affatto infelice, anche se, al momento della diffusione online delle prime immagini di Cavill nei panni di Geralt, in cui sfoggia la caratteristica capigliatura argentata dello strigo che gli vale il soprannome di Lupo Bianco, l’attore è stato oggetto di meme e critiche preventive.
Il Continente in cui vive e agisce Geralt di Rivia appartiene a una Terra alternativa a quella che conosciamo, è abitato da popolazioni molto diverse ed è diviso in numerosi regni spesso in guerra gli uni con gli altri.

the witcher geralt combatte mostro kikimora

Geralt e il kikimora, il mostro con corpo d’insetto e volto umanoide

Gli umani sono giunti in questi luoghi in epoche remote, costringendo le Razze Antiche di gnomi, elfi e nani a vivere come reiette o destinate alle riserve nelle zone interne del Continente. I pericoli maggiori a cui gli umani hanno dovuto far fronte fin dal loro arrivo sono stati rappresentati da svariati mostri spaventosi e pericolosi.
Per proteggere i coloni, gli umani giunti sul Continente hanno dato vita a un’organizzazione segreta che, usando pozioni ed erbe mutagene, ha generato gli strighi (witchers), esseri non-umani destinati a uno speciale addestramento per combattere i mostri.

the witcher geralt renfri macellaio

Geralt e la principessa Renfri

Poiché non sono pienamente umani, gli strighi sono disprezzati dagli uomini che, però, a fronte dei loro indispensabili servigi, li pagano profumatamente.
All’inizio di THE WITCHER, l’ordine degli strighi è in crisi. Dopo anni di cacce, i mostri scarseggiano e Geralt è uno degli ultimi strighi rimasti in circolazione. Per l’efferatezza e la precisione in combattimento dimostrate in un particolare frangente (mostrato nel primo episodio di THE WITCHER), Geralt è conosciuto anche come il Macellaio di Blaviken.

Perché la trama di “The Witcher” è così complicata?

In sostanza, i motivi per cui gli eventi di THE WITCHER sono intrecciati in una maniera tanto complessa sono un paio.
La nuova serie tv Netflix è un adattamento di più libri di Sapkowski, ciascuno ambientato in periodi diversi della lunga vita di Geralt e raccontati in prima persona dallo strigo.
Inoltre, come spiegato in un’intervista a The Wrap da Lauren Schmidt Hissrich, showrunner del telefilm, grazie a questa soluzione narrativa, il pubblico può vedere fin da subito e contemporaneamente i più importanti personaggi di THE WITCHER: Geralt, Ciri e Yennefer.
Non a caso, le principali timeline di THE WITCHER sono 3 e sono legate proprio ai suoi protagonisti:
– le cacce ai mostri di Geralt;
– la storia delle origini della sacerdotessa Yennefer (interpretata da Anya Chalotra);
– la storia della principessa di Cintra, Ciri (Freya Allan).

Come vedere “The Witcher” senza problemi: un’infografica

Per semplificare ulteriormente le cose, in queste settimane, sul web, sono comparse molte spiegazioni utili a capire come seguire senza troppi problemi la trama di THE WITCHER.
Tra le più interessanti, c’è questa infografica realizzata nelle ultime ore da un utente di Reddit che potrebbe essere utile soprattutto se si vuole rivedere con maggiore consapevolezza la prima stagione della serie tv Netflix.
Il grafico accosta le timeline dei protagonisti all’arco temporale della storia complessiva, mostrando le connessioni tra i personaggi, i fatti salienti della loro vita e le relazioni con uno dei momenti topici del racconto, cioè la caduta di Cintra.

La chiave temporale per guardare “The Witcher” e le news su “The Witcher 2”

In sostanza, la chiave temporale per interpretare correttamente la trama di THE WITCHER sono proprio le storie dei suoi personaggi.
Gli spettatori imparano a conoscere Ciri e Yennefer, prima che le loro storie si sovrappongano a quella di Geralt.
La storia di ogni protagonista viene raccontata sullo schermo in corretto ordine cronologico, perciò non possono essere sincronizzate l’una con le altre.

the witcher yennefer geralt

Yennefer e Geralt

Per esempio, nel primo episodio di THE WITCHER, il pubblico assiste alla morte di Calanthe (Jodhi May), regina di Cintra, e all’inizio dell’avventura di Ciri. Ma, negli episodi 4 e 7, che mostrano il viaggio di Geralt, si vede di nuovo Calanthe, anche se si tratta di una versione più giovane della donna.
In corrispondenza della parte finale di THE WITCHER, quando Geralt e Yennefer si incontrano, le 3 timeline iniziano a coincidere.
La scena finale mostra l’incontro tra Geralt e Ciri. La prima domanda che Ciri gli pone è Chi è Yennefer? (Who’s Yennefer?) e indica che, presto, i protagonisti di THE WITCHER saranno, finalmente, tutti insieme sullo schermo.
Stando alle prime indiscrezioni, infatti, la seconda stagione di THE WITCHER dovrebbe evitare le timeline indipendenti e, nel caso in cui dovesse citare eventi del passato, dovrebbe avvalersi solo dell’uso del flashback.

[Fonti: Witcher Fandom; Wikipedia; Gamesradar.com].

[Photo Credit: Netflix]

Lascia un commento

jfb_p_buttontext