Bologna rende omaggio a Charlot.

"Il cinema ritrovato" ha confezionato una retrospettiva all'insegna di Charlie Chaplin e del suo indimenticabile vagabondo, a cent'anni dalla sua prima apparizione al cinema. A voi, la cronaca della bella serata bolognese.

, di

Ieri (25 giugno), Bologna ha reso omaggio a una delle icone visive del Novecento, Charlie Chaplin.
Cento anni fa, dalla sua fantasia nasceva il personaggio di Charlot, il tenero vagabondo che accompagnò il cineasta fino agli anni Quaranta.
E la città, nell’ambito della manifestazione Sotto le stelle del cinema gli ha reso onore con una retrospettiva sui primi cortometraggi che lo hanno visto protagonista e che ha inaugurato l’anteprima della diciottesima edizione del Cinema Ritrovato (28 giugno-5 luglio): KID AUTO RACES AT VENICE (1914), UNA SERATA A TEATRO (1915), L’EMIGRANTE (1917) e CHARLOT SOLDATO (1918). Tutte le proiezioni sono state accompagnate dalle musiche dell’Orchestra del Teatro Comunale.
Per l’occasione, sono giunti in città anche uno dei figli di Chaplin, Michael, e l’attrice Claire Bloom, protagonista di LUCI DELLA RIBALTA (1952).

Che dire, un’altra fantastica serata Sotto le Stelle del Cinema! Potete solo immaginare l’atmosfera che si può creare con un maxischermo, Chaplin, una piazza piena di gente, l’aria frizzante delle sere estive ed un’orchestra eccezionale ad accompagnare il tutto!
I corti si sono rivelati uno più esilarante dell’altro (certo ci si faceva anche trascinare dalle risate delle centinaia di persone presenti!).
Il personaggio di Charlot riesce ancora oggi a tenere catalizzati su di lui gli sguardi di adulti e bambini, suscitando curiosità, sorpresa ed ilarità. Anche la mia rigida coinquilina tedesca che mi ha accompagnato in Piazza Grande non ha resistito e ha riso per tutto il tempo, confessandomi: ”È stato belissimo, zembrava un ”dream”, capita anche a te, quanto tutto ist perfetto?”

Qui, il programma completo della manifestazione

CATEGORIE: Rassegne

1 commento

  1. alma mater / 26 giugno 2014

    Fantastico! Bella anche l’idea delle maschere.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext