Cannes 2015: premio ad Agnès Varda

La cineasta francese, tra gli esponenti della Nouvelle Vague, riceverà un importante premio durante la cerimonia di chiusura dell'imminente Festival di Cannes: sarà la prima donna ad essere insignita di tale riconoscimento.

, di

CANNES 2015: PREMIO ALLA CARRIERA ALLA VARDA

Dopo il Premio alla Carriera ricevuto in occasione degli European Film Award 2014, la cineasta francese Agnès Varda verrà insignita della Palma d’Oro d’onore durante il 68mo Festival del Cinema di Cannes che prenderà il via tra pochi giorni (13-24 maggio).
Il premio sarà consegnato alla Varda in occasione della cerimonia di chiusura del Festival: si tratta della prima donna insignita di tale riconoscimento. In precedenza, il premio, assegnato dal Consiglio di Amministrazione del Festival, è stato consegnato solo a Woody Allen (2002), Clint Eastwood (2009) e Bernardo Bertolucci (2011).

LE PREMESSE DELLA NOUVELLE VAGUE

Nata in Belgio nel maggio 1938 da padre greco e madre francese, Agnès Varda si trasferisce in Francia, studia letteratura e storia dell’arte alla Sorbona, sperimenta le arti plastiche e lavora come fotografa ed esordisce nel mondo del cinema nel 1954, con il lungometraggio a metà strada tra il documentario e l’opera di fantasia LA POINTE COURTE (distribuito solo due anni dopo), affidandone il montaggio all’amico Alain Resnais, considerato tra i titoli prodromici della Nouvelle Vague cinematografica francese di cui lei, di lì a poco, avrebbe fatto parte, in qualità di unica rappresentante femminile.
Realizzati alcuni cortometraggi e raggiunta la notorietà internazionale con il film CLÉO DALLE 5 ALLE 7 (1961), la Varda coniuga la passione per la fotografia con il mezzo documentaristico: lascia Parigi e si trasferisce negli Stati Uniti, dove realizza alcuni documentari (UNCLE YANCO, 1967; BLACK PANTHERS, 1968), affinando la sua tecnica di scrittura cinematografica, da lei stessa definita cinécriture.
Nel 1977, fonda la la Ciné-Tamaris, una propria casa di produzione che le consente di realizzare i film che più le aggradano, dai doc alla fiction, sperimentando nuove tecniche narrative e di rappresentazione, tra i quali spicca SENZA TETTO NÈ LEGGE (1985), vincitore del Leone d’Oro a Venezia nel 1985.
Le persone-chiave della sua vita entrano nella sua produzione cinematografica: dall’amica Jane Birkin, “intercettata” in un momento difficile della propria carriera (JANE B. PAR AGNÈS V., 1988), all’amato marito Jacques Demy (scomparso nel 1990), protagonista più o meno diretto di titoli come LES DEMOISELLES ONT EU 25 ANS (1993), L’UNIVERS DE JACQUES DEMY (1995) e, soprattutto, GARAGE DEMY (1991).
Il suo ultimo lavoro, un documentario per la televisione in cui racconta dei suoi viaggi in giro per il mondo compiuti con i mezzi di locomozione più disparati, risale al 2011 (AGNÈS DE CI DE LÀ VARDA).

I LUNGOMETRAGGI DI AGNÈS VARDA

Scoprite i lungometraggi di Agnès Varda attraverso le schede-film di Nientepopcorn.it:

[Nella foto, Agnès Varda al lavoro, negli anni Sessanta, con il suo riconoscibile caschetto]

CATEGORIE: Premi

Lascia un commento

jfb_p_buttontext