David di Donatello 2014: le candidature.

Tutte le principali categorie ed i relativi candidati agli Oscar del cinema italiano: Sorrentino e Virzì sbancano le nomination. "Smetto quando voglio" e Pif tra le rivelazioni. Cerimonia il 10/06.

, di

Sono state rese note poche ore fa le candidature ai David di Donatello 2014, il corrispettivo nostrano dell’Oscar, premio assegnato dall’Accademia del cinema italiano fin dal 1956.
I riconoscimenti verranno consegnati il 10 giugno, durante la cinquantottesima cerimonia di assegnazione che, per l’occasione, verrà trasmessa da Rai Movie, in diretta da Roma.

Paolo Virzì e Paolo Sorrentino si contendono il maggior numero di statuette, ben diciannove l’uno e diciotto l’altro.
Alto numero di nomination, addirittura dodici, tra cui quella per il Miglior Film, anche per la sorpresa Smetto quando voglio di Sydney Sibilia.
Nonostante l’accoglienza tiepida al botteghino, Ferzan Ozpetek raccoglie undici candidature con Allacciate le cinture. Al contrario, il campione di incassi Sole a catinelle con Checco Zalone è candidato solo al premio assegnato dai giovani cinefili.
Si conosce già il Miglior Cortometraggio: si tratta di 37°4 S di Adriano Valerio, premiato a Cannes 2013 con la Menzione Speciale.

Ecco le principali nomination:

Miglior film
Il capitale umano di Paolo Virzì
La grande bellezza di Paolo Sorrentino
La mafia uccide solo d’estate di Pierfrancesco Diliberto (Pif)
La sedia della felicità di Carlo Mazzacurati
Smetto quando voglio di Sydney Sibilia

Miglior regista
Carlo Mazzacurati per La sedia della felicità
Ferzan Ozpetek per Allacciate le cinture
Ettore Scola per Che strano chiamarsi Federico. Scola racconta Fellini
Paolo Sorrentino per La grande bellezza
Paolo Virzì per Il capitale umano

Migliore regista esordiente
Pif per La mafia uccide solo d’estate
Valeria Golino per Miele
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza per Salvo
Matteo Oleotto per Zoran il mio nipote scemo
Sydney Sibilia per Smetto quando voglio

Migliore sceneggiatura
Francesco Piccolo, Francesco Bruni, Paolo Virzì per Il capitale umano
Paolo Sorrentino, Umberto Contarello per La grande bellezza
Michele Astori, Pierfrancesco Diliberto, Marco Martani per La mafia uccide solo d’estate
Francesca Marciano, Valia Santella, Valeria Golino per Miele
Valerio Attanasio, Andrea Garello, Sydney Sibilia per Smetto quando voglio

Migliore attrice protagonista
Valeria Bruni Tedeschi per Il capitale umano
Paola Cortellesi per Sotto una buona stella
Sabrina Ferilli per La grande bellezza
Kasia Smutniak per Allacciate le cinture
Jasmine Trinca per Miele

Migliore attore protagonista
Giuseppe Battiston per Zoran il mio nipote scemo
Fabrizio Bentivoglio per Il capitale umano
Carlo Cecchi per Miele
Edoardo Leo per Smetto quando voglio
Toni Servillo per La grande bellezza

Migliore attrice non protagonista
Claudia Gerini per Tutta colpa di Freud
Valeria Golino per Il capitale umano
Paola Minaccioni per Allacciate le cinture
Galatea Ranzi per La grande bellezza
Milena Vukotic per La sedia della felicità

Migliore attore non protagonista (con un ex aequo)
Valerio Aprea in Smetto quando voglio
Giuseppe Battiston in La sedia della felicità
Libero De Rienzo in Smetto quando voglio
Stefano Fresi in Smetto quando voglio
Fabrizio Gifuni in Il capitale umano
Carlo Verdone in La grande bellezza

Migliore direttore della fotografia
Jérôme Almèras, Il capitale umano
Luca Bigazzi, La grande bellezza
Daniele Ciprì, Salvo
Gian Filippo Corticelli, Allacciate le cinture
Gergely Poharnok, Miele

Migliore musicista
Pasquale Catalano per Allacciate le cinture
Lele Marchitelli per La grande bellezza
Pivio e Aldo De Scalzi per Song’e Napule
Umberto Scipione per Sotto una buona stella
Carlo Virzì per Il capitale umano

Migliore canzone originale (con un ex aequo)
I’m sorry musica e testi di Giacomo Vaccai interpretata da Jackie O’S Farm – Il capitale umano
A malìa musica e testi di Dario Sansone interpretata da Foja – L’arte della felicità
Tosami lady musica e testi di Santi Pulvirenti, interpretata da Domenico Centamore – La mafia uccide solo d’estate
Smetto quando voglio musica e testi di Domenico Scardamaglia, interpretata da Scarda – Smetto quando voglio
‘A verità musica di Francesco Liccardo, Rosario Castagnola, testi di Francesco Liccardo, Sarah Tartuffo, Alessandro Garofalo interpretata da Franco Ricciardi – Song’e Napule
Dove cadono i fulmini musica, testi e interpretazione di Erica Mou – Una piccola impresa meridionale

Migliore produttore (con un ex aequo)
Per Indiana Production Fabrizio Donvito, Benedetto Habib, Marco Cohen, co-produttore per Manny Films Philippe Gompel e Birgit Kemner, con Rai Cinema e Motorino AmarantoIl capitale umano
Nicola Guliano, Francesca Cima per Indigo FilmLa grande bellezza
Mario Gianani e Lorenzo Mieli per Wildside con Rai CinemaLa mafia uccide solo d’estate
Riccardo Scamarcio, Viola Prestieri per Buena Onda Film con Rai CinemaMiele
Massimo Cristaldi, Fabrizio MoscaSalvo
Domenico Procacci, Matteo Rovere con Rai CinemaSmetto quando voglio

Miglior film dell’Unione Europea
Ida di Pawel Pawlikowski
La vita di Adele di Abdellatif Kechiche
Philomena di Stephen Frears
Still Life di Uberto Pasolini
Venere in pelliccia di Roman Polanski

Miglior film straniero
12 anni schiavo di Steve McQueen
American Hustle di David O. Russell
Blue Jasmine di Woody Allen
Gran Budapest Hotel di Wes Anderson
The wolf of Wall Street di Martin Scorsese

David giovani (assegnato in base ai voti di oltre seimila giovani delle scuole superiori di tutta Italia)
Il capitale umano di Paolo Virzì
La grande bellezza di Paolo Sorrentino
La mafia uccide solo d’estate di Pierfrancesco Diliberto
Sole a catinelle di Gennaro Nunziante
Tutta colpa di Freud di Paolo Genovese

CATEGORIE: Premi

Lascia un commento

jfb_p_buttontext