Maschi contro femmine: il trailer de “La battaglia dei sessi” con Emma Stone e Steve Carell

Per la seconda volta insieme su un set, diretti dai registi di "Little Miss Sunshine", i due attori americani portano in scena una vicenda sportiva e di costume che, all'inizio degli anni Settanta, appassionò molto l'opinione pubblica internazionale.

, di

LA STONE E CARELL PROTAGONISTI DI UN BIOPIC SPORTIVO

Dopo CRAZY, STUPID, LOVE. (2011), Emma Stone e Steve Carell si sono ritrovati per la seconda volta sullo stesso set: i due attori brillanti, lei vincitrice dell’Oscar 2017 con LA LA LAND (2016), lui candidato nel 2015 con FOXCATCHER (2014), dove ha interpretato con estrema credibilità il ruolo più drammatico della sua carriera, sono i protagonisti di LA BATTAGLIA DEI SESSI (Battle of the Sexes), il nuovo film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, che hanno già lavorato con Carell in una delle pellicole indie più note dell’ultimo ventennio, LITTLE MISS SUNSHINE (2006).

Stone e Carell a confronto con i veri Billie Jean King e Bobby Riggs (© Writer of Pop)

UN INCONTRO DI TENNIS PASSATO ALLA STORIA

Sceneggiato dal britannico Simon Beaufoy (Oscar 2009 con THE MILLIONAIRE) e, pare, splendidamente “vestito” dai costumi di Mary Zophres (FARGO, 1996) e dalle scenografie di Judy Becker (AMERICAN HUSTLE, 2013),  BATTLE OF THE SEXES è un biopic incentrato su una vicenda sportiva realmente accaduta negli Stati Uniti nel 1973 e passata alla storia proprio con l’epiteto “La battaglia dei sessi”: la tennista Billie Jean King (la Stone) ha 30 anni ed è tra le migliori giocatrici del mondo, quando l’ex-campione di tennis Bobby Riggs (Carell), campione a Wimbledon e testa di serie negli anni Quaranta, ormai 55enne e noto per aver sviluppato una grande passione per le scommesse, sfida la King a un’improbabile match sul campo da gioco. Dopo un primo rifiuto della King, Riggs mette alla prova un’altra campionessa, Margaret Court, sconfiggendola sonoramente nel maggio ’73. Solo qualche mese più tardi, la King accetta l’invito di Riggs, allenandosi molto seriamente per l’incontro, previsto a settembre a Houston, Texas.

DIRITTI FEMMINILI E MASCHILISMO

In ballo, infatti, non c’è solo la vittoria sportiva: oltre a un premio di centomila dollari e una risonanza mediatica senza eguali (si stima che l’incontro sia stato seguito in tv da oltre 90 milioni di persone in tutto il mondo), la King e Riggs mettono in gioco le proprie istanze sociali. L’una, infatti, portavoce femminista, può approfittare dell’occasione per opporsi concretamente alla strafottenza dell’altro, che, da tempo, dileggia in maniera colorita e provocatoria il tennis femminile e i movimenti dei diritti delle donne.
Nel cast di BATTLE OF THE SEXES, tra gli altri vedremo anche Elisabeth Shue (VIA DA LAS VEGAS, 1995), Alan Cumming (X-MEN 2, 2003), Bill Pullman (INDEPENDENCE DAY, 1996) e Andrea Riseborough (ANIMALI NOTTURNI, 2016).
Il film sarà distribuito nelle sale statunitensi il 22 settembre e nei cinema italiani dal 19 ottobre.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext