I 5 film d’animazione possibili candidati agli Oscar 2015.

Proviamo a indovinare quali saranno i film di animazione candidati agli Oscar 2015: l'Academy privilegerà i grandi successi dei box office internazionali o i cosiddetti cartoni animati d'autore?

, di

QUALI SARANNO I TITOLI CANDIDATI ALL’OSCAR 2015 PER IL MIGLIOR FILM DI ANIMAZIONE?

Si avvicina il 31 dicembre 2014, l’ultimo giorno utile per i film per uscire nelle sale cinematografiche della contea di Los Angeles, al fine di partecipare agli Oscar 2015.
La cerimonia degli Academy Awards si svolgerà il 22 febbraio 2015, ma il toto-Oscar impazza già sul web e, col trascorrere delle settimane, i titoli candidati nelle varie categorie si stanno riducendo ad un’interessante manciata.
La categoria più prevedibile sembra essere quella del Miglior Film di Animazione: certi del nostro (in)fallibile fiuto degno di una muta di segugi da tartufo, ipotizziamo quali potrebbero essere i film della cinquina definitiva.

I 5 FILM CANDIDATI PER IL MIGLIOR FILM DI ANIMAZIONE 2015, SECONDO NIENTEPOPCORN.IT

  • Dragon Trainer 2
    7.6/10 297 voti

    DRAGON TRAINER 2

    di Dean DeBlois, prod. Dreamworks

  • The LEGO Movie
    7.5/10 286 voti

    THE LEGO MOVIE

    di Phil Lord e Chris Miller, prod. Warner Animation, Village Roadshow Pictures, Lego System A/S, Vertigo Entertainment

  • Big Hero 6
    7.5/10 454 voti

    BIG HERO 6

    di Don Hall e Chris Williams, prod. Disney

  • BOXTROLLS-LE SCATOLE MAGICHE

    di Graham Annable e Anthony Stacchi, prod. Universal Pictures, Laika Entertainment

  • Il libro della vita
    7.4/10 57 voti

    THE BOOK OF LIFE

    di Jorge Gutierrez e Doug Langdale, prod. Reel FX Creative Studios, 20th Century Fox Animation

OSCAR 2015: TRE OUTSIDER DI LUSSO

In realtà, speriamo di sbagliare le nostre previsioni e facciamo il tifo spassionato (e d’ufficio, dato che non abbiamo ancora avuto la possibilità di vederlo) per SONG OF THE SEA, il nuovo lavoro del regista nord-irlandese Tomm Moore, già candidato all’Oscar 2010 con l’incantevole ed originale THE SECRET OF KELLS.
Inoltre, riponiamo grandi speranze ne LA STORIA DELLA PRINCIPESSA SPLENDENTE di Takahata Isao e in CHEATIN’ di Bill Plympton, abitué della competizione.

QUALCHE CONSIDERAZIONE IN MERITO

Non è un caso che, contrapposte ai titoli più gettonati, segnaliamo queste tre pellicole tra i possibili film candidati all’Oscar 2015 per il Miglior Film di Animazione: si tratta, infatti, di lungometraggi realizzati con tecniche di animazione tradizionali, lavori certosini che, con un coraggio non indifferente, si propongono come alternative ai colossi prodotti con l’ausilio pressoché esclusivo della computer graphic.
Ad onor del merito, BOXTROLLS è stato realizzato con la tecnica dello stop motion e SONG OF THE SEA si avvale dell’uso della tecnologia digitale, ma in esso, come nel precedente lavoro di Moore, prevale l’animazione classica, realizzata a mano.
Lungi da noi voler assumere un atteggiamento spocchioso nei confronti dei lungometraggi animati di planetario successo e di grande diffusione, ma siamo consapevoli del fatto che taluni esperimenti grafici e visivi testati in questi titoli non sono (ancora) riproducibili con la stessa grazia dai pur sofisticati sistemi elettronici in uso nelle grandi case di produzione di film animati.
Cosa farà l’Academy? Priviligerà titoli che hanno avuto una non indifferente risonanza al box office, oppure concentrerà l’attenzione internazionale su film meno privilegiati dal battage pubblicitario e dalle logiche di distribuzione?

[Nella foto: un’immagine tratta da THE LEGO MOVIE]

CATEGORIE: Oscar

4 commenti

  1. Kagura / 1 dicembre 2014

    Acc… ne ho visti solo 2 e ho in programma di vederne altri 2… ma the book of life non sapevo nemmeno che esistesse.. tra i 3 candidati di lusso, a parte song of the sea, non mi attira manco uno, nonostante tutti decantino la principessa splendente…
    Rimando i giudizi a quando ne saprò di più.
    Cmq penso sia scontato che Lego Movie abbia una menzione.. anche solo per l’idea di fondo.

    • Stefania / 1 dicembre 2014

      The Book of Life è prodotto da Guillermo Del Toro: è uscito negli USA un mesetto fa e arriverà in Italia a marzo.
      Cheatin’ è una meraviglia ipertrofica realizzata interamente a mano. Zero dialoghi, solo immagini vertiginose per una storia d’amore un po’ convenzionale ma con alcuni inserti notevoli.

  2. paolodelventosoest / 2 dicembre 2014

    Sarà sfidona tra Dragon Trainer 2 e Lego Movie.
    Poi magari Hero6 è pure più figo, non so.

  3. icarus / 2 dicembre 2014

    Telepatia. Avevo tutta l’intenzione di promuovere il medesimo sondaggino riguardo i cortometraggi non appena lessi la selezione di aspiranti alla nomina. Anche quella categoria, come questa, sembrerebbe promettente quest’anno.
    Benchè deplorevolmente indietro nelle visioni sono essenzialmente d’accordo riguardo la cinquina pronosticata, con The book of life nella posizione più a rischio. Anch’io ripongo grandi aspettative nei 3 grandi esclusi, tra i quali credo sia il film di Takahata ad avere più chance, mentre Plympton si farà strada quasi certamente nei cortometraggi.
    Più di un paio di titoli mi incuriosiscono anche fra i – sicuramente esclusi – uno di questi è Rocks in my pocket.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext