Notte degli Oscar 2021: tutti i candidati agli Oscar 2021

Candidati Oscar 2021: tutte le nomination

Nel corso di una diretta streaming da Londra condotta dall’attrice e produttrice Priyanka Chopra Jonas e dall’attore e cantante Nick Jonas , il 15 marzo, l’Academy of Motion Picture and Arts di Los Angeles ha reso nota la lista delle candidature Oscar 2021.
Il titolo ad aver guadagnato il maggior numero di nomination è il film Netflix MANK di David Fincher (10 candidature). Testa a testa tra THE FATHER, JUDAS AND THE BLACK MESSIAH, NOMADLAND, SOUND OF METAL e IL PROCESSO AI CHICAGO 7 (7 nomination). Exploit del film MINARI (6 nomination) di Lee Isaac Chung, candidato sia per il miglior film che per la regia.
L’Italia è rimasta in corsa con 2 film:  PINOCCHIO di Matteo Garrone (migliori costumi e miglior trucco e acconciature) e LA VITA DAVANTI A SÉ di Edoardo Ponti (miglior canzone originale, Io sì di Laura Pausini, già premiata ai Golden Globe 2021). Niente da fare per il film NOTTURNO di Gianfranco Rosi, che era candidato come miglior documentario.

Trame, cast, trailer, voti e commenti dei film protagonisti della Notte degli Oscar 2021. I siti di streaming legale dove vederli

Aspettando la Notte degli Oscar 2021, in programma tra il 25 e il 26 aprile, ecco la lista completa dei candidati Oscar 2021.
Cliccate sulle locandine e sui titoli, per aprire le schede-film di NientePopcorn.it e scoprire trame, cast, trailer, voti e commenti dei film degli Oscar 93. Nelle schede, potete trovare anche una lista di siti di streaming legale dove recuperare i film. Con un click sul logo del servizio scelto, atterrate subito sulla vostra piattaforma preferita e potete vedere subito il film.

Miglior Film

Miglior regia

Miglior attrice protagonista

Miglior attore protagonista

Miglior attrice non protagonista

Miglior attore non protagonista

Miglior film di animazione

Miglior fotografia

Sean Bobbitt, Judas and the Black Messiah
Erik Messerschmidt, Mank
Dariusz Wolski, Notizie dal mondo
Joshua James Richards, Nomadland
Phedon Papamichael, Il processo ai Chicago 7

Migliori costumi

Alexandra Byrne, Emma.
Ann Roth, Ma Rainey’s Black Bottom
Trish Summerville, Mank
Bina Daigeler, Mulan
Massimo Cantini Parrini, Pinocchio

Miglior documentario

Miglior corto documentario

Miglior sceneggiatura originale

Sceneggiatura: Will Berson, Shaka King; soggetto: Will Berson, Shaka King, Kenny Lucas, Keith Lucas, Judas and the Black Messiah
Lee Isaac Chung, Minari
Emerald Fennell, Una donna promettente
Sceneggiatura: Darius Marder, Abraham Marder; soggetto: Darius Marder, Derek Cianfrance, Sound of Metal
Aaron Sorkin, Il processo ai Chicago 7

Miglior sceneggiatura non originale

Sceneggiatura: Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer, Peter Baynham, Erica Rivinoja, Dan Mazer, Jena Friedman, Lee Kern; soggetto: Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer, Nina Pedrad, Borat seguito di film cinema
Christopher Hampton, Florian Zeller, The Father
Chloé Zhao, Nomadland
Kemp Powers, Quella notte a Miami…
Ramin Bahrani, La tigre bianca

Miglior montaggio

Yorgos Lamprinos, The Father
Chloé Zhao, Nomadland
Frédéric Thoraval, Una donna promettente
Mikkel E. G. Nielsen, Sound of Metal
Alan Baumgarten, Il processo ai Chicago 7

Miglior film straniero

Miglior colonna sonora originale

Terence Blanchard, Da 5 Bloods – Come fratelli
Trent Reznor, Atticus Ross, Mank
Emile Mosseri, Minari
James Newton Howard, Notizie dal mondo
Trent Reznor, Atticus Ross, Jon Batiste, Soul

Miglior canzone originale

“Fight For You” (Judas and the Black Messiah”)
“Hear My Voice” (Il processo ai Chicago 7)
“Husavik” (Eurovision Song Contest: La storia dei Fire Saga)
“Io sì” (La vita davanti a sé)
“Speak now” (Quella notte a Miami…)

Miglior cortometraggio

Miglior cortometraggio animato

Miglior scenografia

Production Design: Peter Francis; Set Decoration: Cathy Featherstone, The Father
Production Design: Mark Ricker; Set Decoration: Karen O’Hara and Diana Stoughton, Ma Rainey’s Black Bottom
Production Design: Donald Graham Burt; Set Decoration: Jan Pascale, Mank
Production Design: David Crank; Set Decoration: Elizabeth Keenan, Notizie dal mondo
Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Kathy Lucas, Tenet

Migliori effetti visivi

Matt Sloan, Genevieve Camilleri, Matt Everitt, Brian Cox, Love and Monsters
Matthew Kasmir, Christopher Lawrence, Max Solomon, David Watkins, The Midnight Sky
Sean Faden, Anders Langlands, Seth Maury, Steve Ingram, Mulan
Nick Davis, Greg Fisher, Ben Jones, Santiago Colomo Martinez, L’unico e insuperabile Ivan
Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley,Scott Fisher, Tenet

Miglior sonoro

Warren Shaw, Michael Minkler, Beau Borders, David Wyman, Greyhound: il nemico invisibile
Ren Klyce, Jeremy Molod, David Parker, Nathan Nance, Drew Kunin, Mank
Oliver Tarney, Mike Prestwood Smith, William Miller, John Pritchette, Notizie dal mondo
Ren Klyce, Coya Elliott, David Parker, Soul
Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés, Phillip Bladh, Sound of Metal

Miglior trucco e acconciature

Marese Langan, Laura Allen, Claudia Stolze, Emma.
Eryn Krueger Mekash, Matthew Mungle, Patricia Dehaney, Elegia americana
Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal, Jamika Wilson, Ma Rainey’s Black Bottom
Gigi Williams, Kimberley Spiteri and Colleen LaBaff, mank
Mark Coulier, Dalia Colli, Francesco Pegoretti, Pinocchio

Fonti

Sito ufficiale degli Oscar.

Oscar 2021 e COVID-19

L’emergenza sanitaria da COVID-19 sta avendo ripercussioni anche sulla Notte degli Oscar 2021.
Uno degli effetti più evidenti dell’epidemia mondiale in corso è lo slittamento di tutte le date e le scadenze legate al famoso evento cinematografico. Quest’anno, infatti, l’annuncio delle nomination agli Oscar 2021 e la scintillante cerimonia di consegna dei premi sono scivolati rispettivamente al 15 marzo e al 25 aprile.
Ma questo non è l’unico cambiamento rilevante legato agli Oscar 2021 che deriva dalle limitazioni imposte dalla diffusione globale del virus.

Le regole di ammissione dei film agli Oscar 2021

Tra le regole dell’Academy of Motion Pictures and Arts in uso negli ultimi anni, fino agli Oscar 2020, c’è quella per cui i film che ambiscono alla competizione devono essere proiettati in un cinema pubblico della contea di Los Angeles, per almeno 7 giorni consecutivi, 3 volte al giorno.
Dal 16 marzo 2020, però, le sale cinematografiche della Los Angeles County sono chiuse a causa del COVID-19. Così, l’Academy ha introdotto un nuovo criterio di selezione, in base al quale per le nomination agli Oscar 2021 sono stati presi in considerazione quei film che, tra l’1 gennaio 2020 e il 28 febbraio 2021, hanno avuto la possibilità di uscire nei cinema di Los Angeles o di cui era già prevista una distribuzione nelle sale pianificata in precedenza e che, in seguito, sono stati resi disponibili in streaming, tramite servizio PPV/VOD (pay per view e video on demand) o mediante altri tipi di trasmissione (normale programmazione tv o via cavo, pubblicazione e distribuzione legale su supporti dvd/Blu ray e relativa vendita o noleggio, cataloghi cinema delle compagnie aeree).
Al di là del COVID-19, infine, l’Academy ha introdotto un’altra novità. Da quest’anno, infatti, nella lista delle nomination, c’è una categoria in meno: missaggio sonoro e montaggio sonoro sono state accorpate nella categoria “miglior sonoro”.