Recensione su Zelig

/ 19837.9228 voti

Capolavoro / 12 luglio 2017 in Zelig

Esistono difetti in questo film?
No.

“Zelig” è un falso documentario ambientato negli anni 20; ma realizzato con una perfezione assurda, che lo fa sembrare un vero, tipico, documentario (ed è ottimo, in questo senso, anche il doppiaggio italiano).
Non è però solo questione di forma; il soggetto è di per sè interessante (un uomo “camaleontico”), sviluppato con sensibilità ed intelligenza, con l’occhio del regista ed autore ed attore Woody Allen che, più che su Zelig, si concentra sulla società americana, sulla reazione a Zelig.
Un film sul conformismo, che riesce a suscitare riflessioni più profonde del banale “il conformismo è brutto!!!111!!!”, ma che ha anche una patina di malinconia e pessimismo, contrastato dalla romantica visione dell’amore da parte di Woody Allen.
Oltre naturalmente al suo umorismo, che anche qui non manca, anzi.

Davvero, non riesco trovare un difetto. Forse avrei preferito un finale diverso; ma solo perché ho una diversa visione della vita e del mondo rispetto a Woody. Questo film è un capolavoro, la capacità di raccontare e dire molto, senza per questo fare un film lungo (questo dura circa un ora e dieci minuti!)

Lascia un commento

jfb_p_buttontext