Recensione su Zeder

/ 19836.741 voti

RICONFERMA / 29 Febbraio 2016 in Zeder

La seconda incursione di Avati nel mistery/horror è un affermazione di talento. Qualche bucarello di sceneggiatura, e qualche coincidenza inverosimile a parte, la trama è imbastita bene e l’atmosfera cupa e malinconica trasmette quel senso d’inquietudine fondamentale per un film del genere.

Forse meno bello de “La casa dalle finestre che ridono” ma mi è piaciuto uguale.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext