1983

Zeder

/ 19836.740 voti
Zeder
Zeder

Una donna, Alessandra, regala una macchina da scrivere usata al marito, Stefano, di professione scrittore. Quando la usa per la prima volta, quest'ultimo scopre che sul nastro della macchina vi è scritto qualcosa. Incuriosito, egli trascrive il testo, dopodiché inizia a svolgere delle indagini. Le sue ricerche lo portano sulle tracce di un prete spretato, Luigi Costa.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Zeder
Attori principali: Gabriele LaviaMarcello TuscoBob TonelliAnne CanovasCesare BarbettiEnea Ferrario, Ferdinando Orlandi, John Stacy
Regia: Pupi Avati
Sceneggiatura/Autore: Pupi Avati, Maurizio Costanzo, Antonio Avati
Colonna sonora: Riz Ortolani
Fotografia: Franco Delli Colli
Costumi: Steno Tonelli
Produttore: Antonio Avati, Gianni Minervini
Produzione: Italia
Genere: Horror, Fantascienza
Durata: 98 minuti

Un buon horror italiano / 28 Ottobre 2017 in Zeder

Film non ai livelli eccelsi de “La casa dalle finestre che ridono” ma ugualmente di buon livello e che mostra ancora una volta la poliedricità del bravissimo regista emiliano.
Un horror dalle atmosfere surreali, ambientato nella solare Rimini e con un finale che spiazza del tutto lo spettatore.
Il cast se la cava abbastanza bene (anche se Lavia sembra un po’ monoespressivo).
Da ricordare che questo film fu fonte d’ispirazione per King e il suo “Pet Sematary”.

Leggi tutto

Orrore in Romagna / 23 Novembre 2016 in Zeder

Seguendo lo schema del precedente horror del regista, l’indagine solitaria e osteggiata dalla popolazione locale e alla presenza di un personaggio negativo appartenete al clero, il film si inserisce in un altro sotto-filone molto popolare in quel periodo, quello degli zombie. Anche in questo caso però l’approccio a una moda del momento viene effettuato in modo del tutto originale. Avati infatti tratta l’argomento morti viventi in maniera molto diversa rispetto alle popolari pellicole di Romero o di Fulci, concentrandosi più sull’intreccio narrativo che che sullo shock visivo dell’attacco zombesco. La tensione del film è generata dall’atmosfera che il regista riesce a evocare anche nell’inconsueta location della riviera romagnola e non da scene particolarmente sanguinolente.
L’idea del motore dell’azione del film, la vecchia macchina da scrivere il cui nastro rivela misteriosi frasi, venne al regista dal fatto realmente accadutogli dell’acquisto di una macchina da scrivere usata all’interno della quale aveva ritrovato i rendiconti contabili di un dentista.

La vicenda richiama in qualche modo quella del romanzo di Stephen King “Pet Sematary”, ma è improbabile che un autore abbia influenzato l’altro, visto che romanzo e film uscirono lo stesso anno (“Zeder” in america arrivò addirittura due anni dopo). Una coincidenza e niente più che sembra confermare il modo di dire secondo cui le idee fluttuano nell’aria e può succedere che vengano colte nello stesso momento in diverse parti del mondo. A questo proposito c’è da ricordare anche il romanzo di Tiziano Sclavi “Dellamorte Dellamore”, uscito nel 1991 sull’onda del successo di Dylan Dog, ma scritto anch’esso nel 1983 (mentre l’omonimo film tratto dal romanzo vide la luce nel 1994), in cui è presente un cimitero in grado di risvegliare chiunque vi venga sepolto.

Leggi tutto

RICONFERMA / 29 Febbraio 2016 in Zeder

La seconda incursione di Avati nel mistery/horror è un affermazione di talento. Qualche bucarello di sceneggiatura, e qualche coincidenza inverosimile a parte, la trama è imbastita bene e l’atmosfera cupa e malinconica trasmette quel senso d’inquietudine fondamentale per un film del genere.

Forse meno bello de “La casa dalle finestre che ridono” ma mi è piaciuto uguale.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.