The Grandmaster

/ 20126.653 voti
The Grandmaster

Il film racconta alcuni episodi della vita del mitico Yip Man, colui che elaborò il sistema di arti marciali Wing Chun e che fu anche maestro di Bruce Lee.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: 一代宗師
Attori principali: Tony Leung Chiu-WaiTony Leung Chiu-WaiZhang ZiyiZhang ZiyiChang ChenChang ChenSong Hye-kyoSong Hye-kyoZhao BenshanZhao BenshanXiao Shenyang, Wang Qingxiang, Zhang Jin, Shang Tielong, Yuen Woo-ping, Lo Hoi-Pang, Lau Ga-Yung, Lau Shun, Wang Man-Cheng, Cung Le, Elvis Tsui, Chau Yee Tsang, Zhou Xiao-Fei, Berg Ng, Cho Man-Keung, Siu Ping-Lam, Tony Ling Chi-Wah, Li Jing, Hung Kai Sui, Darren Leung, Lo Meng, Li Huiwen, Yin Chunxiong, Tong Han, Ni Haifeng, Xiao Shilin, Wu Yixuan, Peng Geng, Julian Cheung, Mostra tutti
Regia: Wong Kar-waiWong Kar-wai
Sceneggiatura/Autore: Wong Kar-wai, Zou Jingzhi, Xu Haofeng
Colonna sonora: Shigeru Umebayashi, Nathaniel Méchaly
Fotografia: Philippe Le Sourd
Produttore: Wong Kar-wai, Jacky Pang Yee Wah, Dai Song, Megan Ellison, Ye-cheng Chan
Produzione: Cina, Hong Kong
Genere: Orientale, Azione, Drammatico, Thriller, Biografico
Durata: 130 minuti

Dove vedere in streaming The Grandmaster

28 Ottobre 2013 in The Grandmaster

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Film sulla vita del tipo che poi è stato il maestro di Bruce Lee. Biografia sparpagliata di questo Ip Man, o siam lì, con in parallelo la storia della Cina (ancora?) e l’arte vista come kung fu. O viceversa. O viceversa di nuovo. Ip Man è un figo e gira con un cappello assolutamente discutibile, mentre combatte, per motivi sfuggenti, contro altri 59 tizi + 1 molto grosso sotto la pioggia. Ed è l’unico modo per riconoscerlo. Un tourbillon di sotterfugi e giochi di potere e ribaltamenti, un gran casotto, nell’ambiente del kung fu di quegli anni, prima metà del secolo XX nella bassa Cina. Una congrega di distinti signori che si ritrovavano a combattere nei bordelli. Si seguono e intrecciano, ma neanche sempre, anche le vicende della figlia di… vabbè chissene, di una gnocca e di un altro maestro che si chiama il Rasoio. Boh. Ci invade il Giappone, cose così. Tieni conto che se non sai la mossa dei 64 palmi innanzitutto sei out, che non c’è il fottuto briciolo di un’emozione almeno fino a quando non schiatta il maestro di prima (ed è passata un’oretta), che è pieno di combattimenti oh, così belli. Ma identici. Ip Man è saggio e placido e mansueto, e prende la forma che i sommovimenti storici danno alla vita di tutti. Intendiamoci, non è uno che spacca i culi, non che spacca i culi sempre e comunque, per dire (=non è Bruce Lee). Solo quasi sempre.
E filosofia kung fu. Non ricordo con precisione, ma giuro che uno dice tipo che la zuppa va cotta bene, né troppo poco né troppo tanto, che sennò o è matura o bruciata. E lo spaccia come grande insegnamento. Insomma, stilizzazione, e che gira pure abbastanza a vuoto. Per quel che sono io, sotto la regia che rulez c’era poco più che niente. Non ho idea, qualcuno che sia scemo per il kung fu magari ci trova vividi universi di sensi della vita.

Leggi tutto

16 Ottobre 2013 in The Grandmaster

Wong Kar-Wai non delude mai. Sembra la didascalia di un film di 007 ma funziona (e non solo per la rima). Senza venir meno all’eleganza stilistica che lo contraddistingue sceglie una materia che poteva essere fuorviante rispetto al tipo di cinema a cui ci ha abituato: la storia di Yp-Man, il grande maestro di arti marziali che insegnò il Kung fu a Bruce Lee. Ma The Grandmaster non è un film d’arti marziali (anche se le scene di combattimento mostrate sono di grande bellezza) e non è nemmeno un biopic puro e semplice. Wong Kar-wai parla di nuovo della Cina, della sua storia e lo fa atttraverso tre voci diverse, quella di Yip Man (Tony Leung), di Gong Er (Zhang Ziyi) e quella di Tiexieqi detto il “Rasoio”(Cung Le). Tutti provengono da scuole diverse, da regioni diverse della Cina ed adottano tecniche diverse. Sono spinti da motivazioni differenti ma le loro vite si incrociano in più occasioni e con risvolti non programmati.
Non è la consecutio tempora che interessa a Wong Kar-Wai (anche se il film non la smarrisce mai) ma è la consecutio spiriti, l’evolversi dell’animo in rapporto al cambiare dei tempi, rimanendo fermo il bagaglio di tradizioni che lo accompaga (e che in questo caso è rappresentato dalla conoscenza di un codice antico e ricco come quello delle arti marziali).
The gradmaster è un film avvolgente e di grande intensità, forse il migliore di Wong Kar-Wai..

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.