Recensione su Wrong

/ 20126.618 voti

Elogio della superficie / 12 Aprile 2013 in Wrong

“La gravità della situazione richiede un esame scrupoloso, una analisi minuziosa. Sì, perché oggi non è una giornata come le altre; oggi va tutto in modo bizzarro. La faccenda ha molti risvolti imprevisti, potrebbe anche girarmi la testa. Devo stare con i piedi per terra.
Dicevo, oggi ho perso Paul, il mio cane. Il mio amato Paul. È scomparso di prima mattina, improvvisamente. E poi è scomparsa anche la mia palma. O, meglio, si è trasformata in un abete. Sarà stata una mutazione genetica o la realizzazione di un suo desiderio nascosto. Non lo so, e non lo voglio neanche sapere, saranno fatti suoi. Ma io un abete non lo voglio nel mio giardino. Odio il Natale.
E poi è comparsa lei. Bella è bella, per carità, ma una pazza simile in casa non ce la voglio. Tocca tutto, sposta mobili, parla e straparla, fa un casino insopportabile. E poi non la conosco, non l’ho mai vista prima d’ora. Sì, quando una giornata nasce storta raddrizzarla è un’impresa”.

Film stralunato, folle, surreale, di un surrealismo che non si rifà ai maestri riconosciuti del genere (vedi Buñuel) ma a modelli più recenti, come Gondry o Jonze. Tutto rimane in superficie, non scava nel profondo, i personaggi sono macchiette, le situazioni folli e irrazionali non mirano a scardinare morali benpensanti, certezze costituite, non sono apologhi sul disfacimento di una società. Strappano, questo sì, un sorriso appena accennato, niente di più. Ma, nonostante questi limiti, è un film piacevole, divertente, originale, spesso spiazzante nella sua genialità. A volte le gemme più preziose rimangono in superficie, non è necessario scavare .
qui la colonna sonora.

1 commento

  1. palinodia / 26 Aprile 2013

    completamente d’accordo con te. Più che altro ho visto tanto lynch ma, come hai detto giustamente tu, solo la superficie di lynch. declinata alla commedia.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext