2009

Watchmen

/ 20097.0455 voti
Watchmen
Watchmen

Ottobre 1985. Dopo l'omicidio del Comico, ex-vigilante in costume di mezza età dei Minutemen, Rorschach prova a rintracciare e radunare gli altri componenti del disciolto gruppo, sospettando che qualcuno miri a eliminarli tutti.
marcomaffei12 ha scritto questa trama

Titolo Originale: Watchmen
Attori principali: Jackie Earle Haley, Patrick Wilson, Jeffrey Dean Morgan, Billy Crudup, Matthew Goode, Malin Åkerman, Carla Gugino, Matt Frewer, Stephen McHattie, Laura Mennell, Rob LaBelle, Gary Houston, James M. Connor, Mary Ann Burger, John Shaw, Robert Wisden, Jerry Wasserman, Don Thompson, Frank Novak, Sean Allan, Garry Chalk, Ron Fassler, Stephanie Belding, Michael Kopsa, William S. Taylor, Chris Burns, Malcolm Scott, Danny Wattley, Nhi Do, Walter Addison
Regia: Zack Snyder
Sceneggiatura/Autore: David Hayter, Alex Tse
Colonna sonora: Tyler Bates
Fotografia: Larry Fong
Costumi: Michael Wilkinson
Produttore: Wesley Coller, Herb Gains, Lawrence Gordon, Lloyd Levin, Deborah Snyder, Thomas Tull
Produzione: Usa
Genere: Azione, Drammatico, Poliziesco, Supereroi
Durata: 163 minuti

Meglio la versione “the ultimate cut” / 7 Febbraio 2019 in Watchmen

Bel film , interessante, e per certi versi molto più "realistico" di tante storie del genere "supereroi". Meglio ancora la versione estesa ("the ultimate cut") che, nonostante duri uno sproposito, chiarisce molti punti interrogativi e spinge a riflessioni più profonde.

who watches watchmen? / 22 Gennaio 2019 in Watchmen

Probabilmente una delle pietre angolari del fumetto mondiale.
Un Alan Moore in stato di grazia trasforma i supereroi in una lunga metafora per parlare di politica, religione, società e rapporto con la paura.
Un fumetto talmente denso che per recensirlo occorre anche parlare di pirati e del fumetto che viene letto nel fumetto per un'operazione... continua a leggere » metatestuale che ha cambiato non solo il modo di raccontare i supereroi, ma che ha dato vita persino ad un font tipografico.

Ecco, tutto questo è stato preso da Snyder, spogliato di pathos e colore e trasformato in un'opera didascalica nella quale il pathos dell'originale viene meno. Un film discreto che perde consistenza una volta messo al cospetto del suo corrispettivo cartaceo.

Dal punto di vista visivo però, vale la pena ammirare il lavoro di trasposizione di tutto quanto abbia a che fare con il Dottor Manatthan; il viaggio su marte vale, da solo, tutto il bene che si possa dire, comunque di questo film.
Tra le colpe imperdonabili l'aver minato alle basi il modo in cui i DC heroes sono stati raccontati al cinema subito dopo.

Watchmen / 19 Novembre 2018 in Watchmen

Si percepisce che il materiale originale, cioè il fumetto (che non ho letto), deve essere davvero interessante, perché Watchmen, oltre a dare una visione dei supereroi non usuale, dà una visione non usuale di cosa significhi realmente proteggere l'umanità; soprattutto, da chi proteggerla.
Ma il film non regge. Spesso perde il filo e non si capisce... continua a leggere » cosa voglia raccontare davvero.
Se davvero i film devono raccontare storie e le serie devono raccontare personaggi, Watchmen sembra non decidere mai da che parte stare, non riuscendo né ad analizzare bene i personaggi e né a raccontare bene una storia.

The unforgettable glowing blue… / 9 Maggio 2016 in Watchmen

Sciropparsi i 215 minuti dell'Ultimate Cut di questo film richiede un livello di masochismo che non sapevo di possedere. Questa versione consiste del Director's Cut più le animazioni dei «Racconti del vascello nero», di cui si può dire ciò che ne dice uno dei personaggi del film: «This shit makes no sense!»: cosa abbiano a che fare con il resto del... continua a leggere » film è un mistero.
E il resto del film non brilla particolarmente: tollerabile quando si occupa di personaggi a livello umano, non dotati di particolari poteri, come The Comedian, Nite Owl II, Silk Spectre II, e soprattutto Rorschach (le sequenze della prigione sono la cosa migliore del film), deraglia quando arriva al tronfio Ozymandias, tutto nobilissimi fini e mezzi ributtanti (che il film chiaramente condona), e all'onnipotente e fosforescente Dr Manhattan, ennesima e iperbolica incarnazione dello scienziato che ha perso la propria umanità – ammazza che originalità! – e anche il senso del pudore, visto che ci espone quasi costantemente alla visione di quello che uno dei critici più mordenti del film ha chiamato «the unforgettable glowing blue penis».
Peccato per le allusioni alla storia alternativa, con Nixon eletto presidente per cinque volte, che avrebbero meritato più attenzione e un contesto più degno e credibile.

Come trasformare una graphic novel stupenda in…. stà cosa qua !!! / 15 Maggio 2015 in Watchmen

Non ci sono parole, davvero dico !!!
Quando seppi che di Watchmen ne sarebbe stato fatto un film ero contento... molto contento, perchè la graphic novel mi era garbata un casino e vederla trasformata in film sarebbe stato il massimo.
Ma dopo aver visto il film... avrei voluto che qualcuno mi levasse dalla memoria il ricordo di aver visto questo insulto... continua a leggere » all'opera di Moore.
Ma scusa Zack Snyder ( il regista di sta cosa ) ma ti era così tanto difficile leggere bene la graphic novel, capirla, riportare sullo schermo tutto il suo fascino invece di stravolgerla a tuo piacimento cambiandone le tematiche e persino il finale con l'aggiunta di alcune musiche penose che non rendano per niente il tono del film ???