Recensione su Warm Bodies

/ 20125.9189 voti

11 Febbraio 2013

Simpatica commedia romantica, una sorta di Twilight in salsa zombie dove però c’è molta più ironia.
Il protagonista è R, uno zombie che vive insieme ai suoi simili nell’aeroporto in seguito a un evento non meglio identificato che li ha fatti diventare zombie. Il punto di vista è il suo, è lui la voce narrante del film: bravo il protagonista Nicholas Hoult (visto giovane in “About a boy” con Hugh Grant); la sua esistenza e quella dei suoi simili è destinata a cambiare dopo l’incontro con Julie (la bella Teresa Palmer).
Il film è simpatico, alterna momenti ironici e sarcastici (R all’inizio rimpiange la vita dove si poteva comunicare tranquillamente a voce con i propri amici, e scorre l’immagine della gente impegnata coi telefonini…) ad altri un pò più romantici (anche se “strani” per via dell’assortimento della coppia). Buone anche le scene di azione con gli ossuti che diventano nemici comuni (tra zombie e umani). Forse l’unico difetto è che la maggior parte delle scene divertenti (Julie che cerca di far la morta vivente, soprattutto) sono già presenti nel trailer e poteva essere affrontata la vita “precedente” degli zombi.
Tra gli attori da citare anche John Malkovich, padre di Julie.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext