Recensione su Wall Street - Il Denaro Non Dorme Mai

/ 20105.9160 voti

lo squalo non dorme mai / 21 febbraio 2011 in Wall Street - Il Denaro Non Dorme Mai

Il remake di un film come “Wall Street” (1987) era una sfida bella e buona. Il primo indimenticabile film con protagonista Gordon Gekko (un Michael Douglas da leggenda) ha creato un mito, descrivendo la figura del vorace squalo della borsa, senza nessun principio tranne quello del guadagno, che accoglie sotto la sua egida il giovane Buddy Fox (Charlie Sheen), una ragazzo con grandi ambizioni ma poco disposto a sacrificare la sua morale sull’altare del denaro.
Il finale del primo film ci lasciava pensare che l’impero di Gekko stesse per sgretolarsi ed il secondo capitolo riparte proprio da qui. Gekko è appena uscito di prigione e il mondo è profondamente cambiato. Tuttavia, il re di Wall Street per quanto invecchiato non ha perso il suo acume e la sua brillantezza. Il discorso agli studenti riassume magistralmente la genesi della crisi economica americana, che pervade il film e si rispecchia nelle figure del principale di Shia Le Bouf (Frank Langella). Purtroppo un tocco di buonismo di troppo, dovuto forse alla necessità di far evolvere il personaggio di Michael Douglas, calandolo nel ruolo di padre alla ricerca della figlia perduta, addolcisce un pò troppo il finale.
Il pnto di forza è, secondo me, il tentativo di infondere nella trama una buona dose di attualità, dando consistenza ad un film altrimenti riduttivo.
Michael Douglas si conferma padrone di un ruolo che l’ha reso grande e, menzione d’onore, un applauso a Eli Wallach, che non sembra subire i colpi del tempo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext