Recensione su Vicky Cristina Barcelona

/ 20086.7645 voti

11 gennaio 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ci ho messo un secolo per vedere anche questo film (oh, sempre e solo dei porno trovavo. Ma, intendiamoci, per mesi ho trovato solo porno. E quasi sempre era un superclassico lesbo-black, per la precisione).
Diciamo che non mi sono piaciuti l’inizio e la fine. Ma tutta la parte in mezzo ci stava dentro aBBBomba. Javier Bardem ok, piace a tutte, tutte si bagnano per JB ma quando arriva è ridicolo superpiù, con una camicia rossa che meriterebbe di esser bagnata di sangue.
Oh, dai, andiamo in vacanza a scopare tutti insieme. Yeahhhhh!
Madddai!
Verso la metà invece gli spunta Woody Allen dentro ed è la parte migliore. In sostanza tutti amano tutti, gli americani vanno in Europa solo per scopare (e io dove devo andare allora? Che mica ho ancor capito…), tutte son gnocche, la gente si fa confessioni terribili DAL FRUTTIVENDOLO (certo Woody, come no) e, sempre JB, che è figo e ha il fisico della madonna però maschia, non so, del madonno (euh, pessima) riesce a stirarsi una spalla e a necessitare di massaggio come? Stendendo la tovaglia per il pic nic.
MADDDAAAAAAI!
Ma sto dicendo che mi è piaciuto eh 🙂 ne avevo sentito parlare peggio, l’amore ha mille forme, siam lesbiche o eptasessuali ma comunque siam simpatiche, e cambiano queste forme, sono in continuo movimento e travolgono e lasciano e stringono e abbracciano come i tentacoli di un polipo (boh, non so perché di un polipo).

Lascia un commento

jfb_p_buttontext