11 Recensioni su

Vicky Cristina Barcelona

/ 20086.6683 voti

8 Gennaio 2014 in Vicky Cristina Barcelona

un brutto ricordo…

Il solito / 29 Settembre 2013 in Vicky Cristina Barcelona

Woody Allen ormai molto prevedibile. Contorto con l’ossessione del sesso. Ormai un lontano parente del primo Allen.

Javier e Penelope, che coppia! / 5 Marzo 2013 in Vicky Cristina Barcelona

Non li vedevo così affiatati dai tempi di “Prosciutto, prosciutto” (1992). Bravi, belli, dannati (alla Van Sant). Scarlett un po’ fuori luogo nella bella cittadina di Oviedo.
Fa decisamente venir voglia di visitare tutta la Spagna

13 Gennaio 2013 in Vicky Cristina Barcelona

Un film strano, con una storia coinvolgente che si sviluppa bene, ai margini di generi diversi. Bravissimo il cast e le interpretazioni.

11 Gennaio 2013 in Vicky Cristina Barcelona

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ci ho messo un secolo per vedere anche questo film (oh, sempre e solo dei porno trovavo. Ma, intendiamoci, per mesi ho trovato solo porno. E quasi sempre era un superclassico lesbo-black, per la precisione).
Diciamo che non mi sono piaciuti l’inizio e la fine. Ma tutta la parte in mezzo ci stava dentro aBBBomba. Javier Bardem ok, piace a tutte, tutte si bagnano per JB ma quando arriva è ridicolo superpiù, con una camicia rossa che meriterebbe di esser bagnata di sangue.
Oh, dai, andiamo in vacanza a scopare tutti insieme. Yeahhhhh!
Madddai!
Verso la metà invece gli spunta Woody Allen dentro ed è la parte migliore. In sostanza tutti amano tutti, gli americani vanno in Europa solo per scopare (e io dove devo andare allora? Che mica ho ancor capito…), tutte son gnocche, la gente si fa confessioni terribili DAL FRUTTIVENDOLO (certo Woody, come no) e, sempre JB, che è figo e ha il fisico della madonna però maschia, non so, del madonno (euh, pessima) riesce a stirarsi una spalla e a necessitare di massaggio come? Stendendo la tovaglia per il pic nic.
MADDDAAAAAAI!
Ma sto dicendo che mi è piaciuto eh 🙂 ne avevo sentito parlare peggio, l’amore ha mille forme, siam lesbiche o eptasessuali ma comunque siam simpatiche, e cambiano queste forme, sono in continuo movimento e travolgono e lasciano e stringono e abbracciano come i tentacoli di un polipo (boh, non so perché di un polipo).

Leggi tutto

Masochismo cinefilo… / 16 Luglio 2012 in Vicky Cristina Barcelona

Io non so perchè insisto nel vedere i film di Woody Allen. Non lo capisco, non mi fa ridere. E poi c’è Penelope Cruz, attrice che non mi piace proprio per niente e che ha osato vincere un maledetto oscar interpretando un personaggio odioso e isterico che per di più ha il mio stesso nome! LOL non credo riuscirò mai a perdonarla.

Infelicità / 31 Gennaio 2012 in Vicky Cristina Barcelona

Questo è il risultato dopo aver visto questo film Di Woody Allen. Tutti i protagonisti hanno dei dubbi e non sono contenti della loro situazione. Vanno a cercare altrove la felicità. E spesso capita anche nella realtà di “accontentarsi” senza rendersi conto che poi non è quello che uno vuole. Cito una frase di una persona a me cara “La vita è una fregatura…” e questo film ne rispecchia il senso. Bisogna se uno vuole mettersi in discussione e vivere la vita superando tutte le barriere che ci si costruisce nella vita e viverla in pieno.
Qui Woody Allen distrugge tutti i sogni che vengono costruiti dai protagonisti e finisce il tutto nella loro vita banale e insoddisfatta.
Grande Penelope (che bella in questo film…, stupenda veramente) e una nota di merito alla colonna sonora: eccezionale!!!
Sarebbe un 6,5 ma 7 è troppo…

Leggi tutto

30 Giugno 2011 in Vicky Cristina Barcelona

Chissà perché, secondo i registi americani, gli spagnoli, italiani e francesi sono tutti artisti e ninfomani…Questo film mi sembra un po’ la saga degli stereotipi ma almeno ha il pregio di avere come protagonista Bardem, superbo in ogni cosa che fa, e di essere piacevole da guardare.

27 Giugno 2011 in Vicky Cristina Barcelona

Durante alcuni passaggi, ho avuto l’impressione che Allen si sia divertito un bel po’ a prendere in giro i suoi personaggi: puntualmente, dopo averli resi assai consapevoli di sé, delle proprie bellezze e particolarità, li mena per il naso (eufemismo), finché lo spettatore stesso non riesce più a credere alle ambizioni o alle speranze di questo manipolo di ragazzoni viziati, senza riuscire più a provare simpatia o trasporto nei loro confronti.

Così, dopo aver costruito un castello di mistero e fascino intorno al personaggio di Bardem, José Antonio si disvela definitivamente per quello che è: un “semplice” gaudente che gusta quando e come capita ogni evento della vita, senza mirabolanti trame segrete, rimpiangendo un amore che mai si compirà totalmente.
Maria Elena pare nascondere segreti allucinanti, invece è solo isterica.
Cristina, desidera essere eccentrica ed atipica e sembra sempre sul punto di compiere atti irreparabili, invece la vita le scivola placidamente accanto, mentre lei si illude di renderla indimenticabile.
Vicky è un’anima fallita in partenza (sono lapidaria, ne convengo. Povera Vicky).
Tutti hanno in comune una sola cosa: non sono contenti di quel che hanno o di quel che sono.

E Allen si scompiscia.

Leggi tutto

25 Marzo 2011 in Vicky Cristina Barcelona

Senza capo nè coda. L’ho guardato con interesse fino alla fine e po infatti è finito. Senza senso..
Ci avevo sperato..

17 Febbraio 2011 in Vicky Cristina Barcelona

Questo lavoro di Woody Allen stupisce per il calore e la passione che trasmette attraverso i personaggi e le luminose inquadrature spagnole (splendida la fotografia), così lontane dalla sua cara New York o dalla Londra cupa delle ultime pellicole.

È un film sull’amore, sulla sua incostanza, sulla pluralità di forme che i sentimenti e le relazioni possono assumere. E sui personaggi, così ben delineati, così diversi tra loro: ognuno porta con sé una differente concezione dell’amore. Per questo la scelta dell’io narrante è funzionale al modo in cui i personaggi vengono presentati ed osservati.
Vicky e Cristina arrivano da New York per passare un’estate a Barcellona, un po’ per studio, un po’ per turismo; immediatamente vengono descritte secondo il loro approccio sentimentale: Vicky (Rebecca Hall) è fedele all’uomo che sta per sposare e ancorata ai propri principi, Cristina (Scarlett Johansson) invece è disinibita e continuamente alla ricerca di una passione che la sconvolga. Ecco che questa impostazione dei caratteri delle due diviene da subito importante per la creazione di un’attesa. Resteranno salde nelle loro posizioni? In che misura potrebbero mutare atteggiamento? Quando dall’altra parte c’è un irresistibile Javier Bardem e una Penelope Cruz così aggressiva ed eccentrica…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.