1954

Vera Cruz

/ 19547.513 voti
Vera Cruz
Vera Cruz

Da un racconto di Borden Chase. Messico, 1866: spinti dal guadagno, un ex soldato che ha combattuto la Guerra di Secessione con i sudisti, Benjamin Trane, e un bandito e ladro di cavalli, Joe Erin, si uniscono agli uomini dell'esercito al servizio dell'imperatore Massimiliano d'Asburgo. Poiché sono abili tiratori, ai due viene affidato il compito di scortare fino a Vera Cruz la carrozza su cui viaggia la contessa Marie Duvarre. Durante il lungo viaggio, Benjamin e Joe si ritroveranno a dover fronteggiare gli attacchi dei rivoluzionari messicani guidati da Benito Juárez.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Vera Cruz
Attori principali: Gary CooperBurt LancasterDenise DarcelCesar RomeroSara MontielErnest Borgnine, Charles Bronson, George Macready, Jack Elam, James McCallion, Morris Ankrum, James Seay, Henry Brandon, Archie Savage, Charles Horvath
Regia: Robert Aldrich
Sceneggiatura/Autore: Roland Kibbee, James R. Webb
Colonna sonora: Hugo Friedhofer
Fotografia: Ernest Laszlo
Costumi: Norma Koch
Produttore: James Hill
Produzione: Usa
Genere: Commedia, Romantico, Western
Genere:
Durata: 94 minuti

Western asburgico / 27 Settembre 2017 in Vera Cruz

Io sono un amante del western classico, in cui frontiera, amore e morte si intrecciano voluttuosamente. E questo genere ha i suoi eroi canonici; tra questi vi è l’immarcescibile Gary Cooper, qui abbastanza incanutito, uno che non ha mai potuto sporcare troppo la sua immagine e che anche nei panni di un avventuriero mercenario non poteva che venirne fuori come un cavaliere senza macchia. Accanto a lui quello che secondo me è il pezzo forte del film, quell’acrobata dal sorriso marmoreo di nome Burt Lancaster; lui sì, un attore – un grande attore – che non ha mai temuto l’ambiguità. Questa strana coppia formatasi per caso nella sequenza che secondo me rimane la più bella del film, quella iniziale, si trova gettata per una serie di circostanze nel bel mezzo della rivoluzione juarista che imperversava nel Messico governato dall’imperatore Massimilano D’Asburgo. Sfoggiando scenografie e costumi molto curati (la costumista Norma Koch lavorò spesso con Aldrich e vinse l’Oscar nel ’62 con Che fine ha fatto Baby Jane?), questa avventura messicana di Aldrich narra di amicizia e tradimenti, oro e Winchester e rimarrà sempre un pezzo da novanta tra i cult del genere.

Leggi tutto

28 Aprile 2014 in Vera Cruz

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Vera Cruz.
Quando la parola capolavoro non è abbastanza per descrivere un film.

Diretto da Robert Aldrich, il film in questione ha segnato generazioni di cinefili e non solo.
Vera Cruz coinvolge e stravolge.

La rocambolesca avventura narrata nel film si svolge in Messico nel 1866, il Messico dell’imperatore Massimiliano d’Asburgo, autorità caldamente osteggiata dai rivoluzionari. Torna quindi quel luogo magico che è il Messico, una terra di rinunce, terra di confine, rifugio per gli Americani senza macchia o paura. Neanche fossimo in una pellicola diretta da Sam Peckinpah, il regista cattura gli elementi di un Paese dalle mille sfaccettature con un popolo pittoresco ed affamato. Questi elementi sono evidenziati con abilità, essendo il film ambientato in una fase storica delicata nella quale il Messico è in subbuglio.
Robert Aldrich spettacolarizza il tutto, collocando per caso dei reduci della Guerra Civile Americana.
Si trovano a fronteggiarsi quindi Rivoluzionari ed Europei da un lato, veterani della Guerra Civile, a servizio dei primi o dei secondi, dall’altro. Due sono le figure chiave nella vicenda, amabilmente interpretate da due attori simbolo nonché veri e propri eroi del cinema hollywoodiano: Gary Cooper e Burt Lancaster.

La vicenda tutta è virile ed eroica; vedendola, lo spettatore, si immedesima nell’episodio che lega i destini del Colonnello Sudista Trane (Gary Cooper) e dello sbruffone Joe Erin (Burt Lancaster). Si immedesima e, signore e signori, riflette. Niente è lasciato al caso. Se da un lato il film parla allo stomaco, dall’altro parla alla testa e al cuore. L’improbabile duo dovrà scegliere da che parte stare. Entrambe le fazioni vorrebbero dalla loro questi mercenari col cappello da bovaro, in più occasioni dimostreranno l’abilità con la pistola o il sangue freddo che scorre nelle loro vene.

Vera Cruz è poesía.

L’elemento “violenza” sebbene sia presente nel film, rimane collocato su una dimensione minore.
E’ un susseguirsi di eventi che rende il film poetico.
Scegliendo di porsi dalla parte dell’Imperatore l’obiettivo di Trane e Joe sarà quello di scortare la carrozza della contessa Duvarre fino al porto Vera Cruz. Si accorgeranno presto che dietro questo incarico se ne cela un’altro: impedire che la carrozza piena d’oro giunga nelle mani dei rivoluzionari.
Anche se i personaggi hanno da sempre vissuto la vita in un Limbo, da questo momento ondeggiano ancor di più. Il motto di uno sarà “The right choice for the wrong reason”, il motto dell’altro sarà “money”.

Il ribaltamento dei ruoli e un susseguirsi di colpi di scena memorabili porta lo spettatore a vari interrogativi. Il duo ha perso la bussola, in parte la ritrova ma l’esito finale sarà distruttivo, anzi autodistruttivo.
Ve lo consiglio caldamente.

DonMax

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.