Recensione su Valhalla Rising

/ 20106.8151 voti

28 Giugno 2013

Opera per molti aspetti ingannatrice (alzi la mano chi non ha pensato almeno per un secondo ad una versione/fusione danese dei più noti King Arthur di Antoine Fuqua o Kingdom of Heaven di Ridley Scott), dopo la prima mezz’ora si rivela essere più un film filosofico che uno improntato sull’azione.
Tutta la pellicola ruota attorno concetto di ricerca: ricerca di svago per i Vichinghi pagani di inizio film, ricerca di certezze per quelli convertiti al Cristianesimo e ricerca di sé per il protagonista, interpretato da un eccezionale Mads Mikkelsen in versione muta e orba da un occhio.
Sicuramente la pellicola di Nicolas Winding Refn è sconsigliata a tutti coloro che si aspettano sangue, combattimenti (che non mancano) e dialoghi memorabili (praticamente inesistenti).

Lascia un commento