1971

Io sono Valdez

/ 19717.26 voti
Io sono Valdez
Io sono Valdez

Storia di uno sceriffo messicano che, per riscuotere 100 dollari, ammazza dodici uomini. I 100 dollari sono, ovviamente, un simbolo: l'eroe ammazza per legittima difesa e gli tocca in premio persino la ragazza. Tratto da un romanzo di Elmore Leonard, girato in Spagna e diretto da un noto regista di Broadway al suo esordio nel cinema, è apprezzabile per l'uso dello spazio e dei paesaggi montagnosi (fotografia di Gabor Pogany), l'attenzione ai particolari tattici, insolite soluzioni narrative, qualità che non riscattano del tutto la convenzionalità di fondo.

Titolo Originale: Valdez Is Coming
Attori principali: Burt LancasterSusan ClarkFrank SilveraJon CypherRichard JordanBarton Heyman
Regia: Edwin Sherin
Sceneggiatura/Autore: Roland Kibbee, David Rayfiel
Fotografia: Gábor Pogány
Costumi: Lewis Brown
Produttore: Ira Steiner
Produzione: Spagna, Usa
Genere: Azione, Western
Durata: 90 minuti

Non c’è male / 14 Ottobre 2017 in Io sono Valdez

Un vice-sceriffo messicano (Burt Lancaster) interviene in una sparatoria che coinvolge il ricco e prepotente allevatore Tanner, e, per legittima difesa, finisce per uccidere, anche se per legittima difesa, un uomo di colore, che per Tanner era un rinnegato dell’esercito, mentre in realtà si scopre che era un’altra persona. L’uomo lascia la giovane moglie apache incinta e il vice-sceriffo Valdez si sente profondamente in colpa per quanto capitato. Vorrebbe risarcire la vittima, ma la sua richiesta di 100$ a Tanner lo porta ad essere umiliato e quasi ucciso. Ripresosi, il vecchio Valdez ritrova la grinta di un tempo e si prepara, da solo, ad affrontare l’intera banda dell’allevatore. Un western dignitoso, breve, semplice, che, con la presenza di un attore del calibro di Lancaster guadagna veramente tantissimo ed è sicuramente un film che piacerà ai fans del genere. Non annoia mai e la storia, comunque, seppur semplice, non è certo brutta. Sette pieno.

Leggi tutto

Grande Lancaster / 28 Marzo 2013 in Io sono Valdez

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Che dire, un film che è retto interamente dal grande protagonista, senza il quale forse non sarebbe neanche un B movie. Grande la scena del conflitto a fuoco col messicano che , ferito ma vivo viene rimesso in sella con la raccomandazione “Va e digli che Valdez sta arrivando” (Valdez is coming) Il riscatto comunque è tutto nelle espressioni stanche e sconfortate dello sceriffo Valdes e soprettutto nel finale, quando infine circondato dagli inseguitori si arrende e dialoga col capo dei tirapiedi dell’antagonista. Dialogo fatto da breve risposte e nel quale, con un paio di battute, il personaggio viene disegnato meglio che in tutto il film.

Leggi tutto