1949

Il peccato di Lady Considine

/ 19495.69 voti
Il peccato di Lady Considine
Il peccato di Lady Considine

Charles Adare lascia l'Irlanda per cominciare una nuova vita in Australia. Tra le prime persone ad accoglierlo trova Sam Flusky e sua moglie Henrietta che aveva conosciuto nell'infanzia. Il loro matrimonio, nato sotto una cattiva stella, è però infelice: la donna infatti è dovuta scappare dal paese natale perchè Sam aveva sparato al fratello e durante gli anni la differenza sociale tra i due ha inasprito i problemi coniugali, tutto questo l'hanno portata alla depressione e all'alcolismo. Charles decide ugualmente di aiutare Henrietta a riacquistare fiducia in se stessa, per fortuna con il sostegno di Sam. La governante Milly, segretamente innamorata del padrone, instiga in lui il dubbio che ci sia una relazione tra Henrietta e Charles. I due uomini si affrontano e parte un colpo. Sam, che già aveva una accusa di tentato omicidio, viene arrestato e solo adesso Henrietta ammette di essere lei colei che ha sparato al fratello e non l'uomo. Sam aveva deciso di coprirla e ancora adesso nega la verità per non farla andare in prigione. Dopo aver scoperto che Milly tenta di avvelerarla Henrietta si rivolge al governatore per ottenere la grazia per Sam, Charles testimonia in modo da farlo scagionare e nonostante sia innamorato della donna decide di tornare per sempre in Irlanda.
leodefrenza ha scritto questa trama

Titolo Originale: Under Capricorn
Attori principali: Ingrid BergmanJoseph CottenMichael WildingMargaret LeightonCecil ParkerDenis O'Dea, Jack Watling, Harcourt Williams, John Ruddock, Bill Shine, Victor Lucas, Alfred Hitchcock
Regia: Alfred Hitchcock
Sceneggiatura/Autore: John Colton, Margaret Linden, Hume Cronyn, James Bridie, Peter Ustinov, Joseph Shearing
Colonna sonora: Richard Addinsell
Fotografia: Jack Cardiff
Costumi: Roger K. Furse, Julia Squire
Produttore: Alfred Hitchcock, Sidney Bernstein
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 108 minuti

Non ci sono recensioni

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.