1994

Una pura formalità

/ 19947.8113 voti
Una pura formalità
Una pura formalità

Il lungo interrogatorio, che ha luogo in una fredda e fatiscente stazione di polizia, di un famoso scrittore, accusato di un omicidio avvenuto la notte precedente. L'uomo, nonostante l'incalzare dell'ispettore, sembra aver dimenticato tutto ciò che gli è accaduto nelle ultime ore e non riesce a fornire un valido alibi.
mandelbrot ha scritto questa trama

Titolo Originale: Una pura formalità
Attori principali: Gérard DepardieuRoman PolanskiSergio RubiniNicola Di PintoTano CimarosaPaolo Lombardi, Maria Rosa Spagnolo, Alberto Sironi, Giovanni Morricone, Mahdi Kraiem, Massimo Vanni, Sebastiano Filocamo
Regia: Giuseppe Tornatore
Sceneggiatura/Autore: Giuseppe Tornatore
Colonna sonora: Ennio Morricone
Fotografia: Blasco Giurato
Costumi: Beatrice Bordone
Produttore: Mario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori, Claudio Saraceni
Produzione: Francia, Italia
Genere: Thriller, Poliziesco
Durata: 108 minuti

Una PERLA del grande CINEMA / 21 Gennaio 2018 in Una pura formalità

Capolavoro. Poche storie. Uno dei film più geniali della storia del cinema!

Retta Impropria / 30 Dicembre 2016 in Una pura formalità

Vita e morte.
Due rette parallele che, procedendo all’infinito, si toccano in un punto incalcolabile.
Nient’altro che retta impropria.
Tornatore regala un’opera sottovalutata e (erroneamente!) semisconosciuta, riflessione sulla vita e sulla morte, facce di una stessa medaglia dalle probabilità incalcolabili.
Bipolare e stremato è Onoff, di cui Depardieu ne rispecchia qualsiasi caratteristica psico-somatica.
Puntiglioso ed attento è il commissario “Da Vinci”, di cui Polanski ne fa un personaggio estremamente illuminante.
Una regia innovativa (spettacolare l’inquadratura dall’interno del water pre e dopo “lancio” del pezzo di camicia), in cui la pioggia rappresenta il tormento dello spettatore, orchestra il tutto in un crescendo di emozioni e “pathos” greco.

Leggi tutto

Eccellenze ben calibrate / 15 Gennaio 2016 in Una pura formalità

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo film di Tornatore è un mix di eccellenze ben calibrato: dalle musiche di Morricone alla fotografia terrigna di Blasco Giurato, passando per Polanski e Depardieu, fino alle eccellenti voci di Leo Gullotta e Corrado Pani (qui, attori e non “semplicemente” doppiatori), tutto concorre a creare una pellicola d’autore estremamente riuscita ed originale, soprattutto se raffrontata alla media delle produzioni italiane, sia del periodo che contemporanee. Si tratta, né più né meno, di un film di genere: di noir così, da queste parti, non se ne vedono molti.

Ritorno sulla presenza nel cast di Polanski e Depardieu, bravissimi.
L’uno, sembra la scelta più naturale, ripensando alla sua passione per gli spazi chiusi come metafora della psiche: ricordando L’inquilino del terzo piano, poi, mi piace ritrovare alcune analogie con questo film (che non citerò, per evitare vicendevoli spoiler).
Depardieu è totale fisicità, anche quando è pressoché immobile: a parlare per lui, c’è un corpo che, limitato dalla prigionia, si esprime sanguinando, sudando, offrendosi anche nudo, polito e rotondo agli occhi del pubblico.

Se pensate che la scena di “the Worst Toilet in Scotland” di Trainspotting fosse sufficientemente repulsiva, benché ironica (ed onirica), aspettate di vedere quella in cui Onoff, in un bagno dalla discutibile igiene per l’appunto, tenta di far sparire un pezzo di stoffa insanguinato.

Nota spoilerosissima: altro che leggere Henry James e il suo Giro di vite. Amenábar ha visto questo film di Tornatore, sì sì.

Leggi tutto

Un film unico / 22 Luglio 2013 in Una pura formalità

Tornatore, Depardieu, Polanski insieme per un vero CAPOLAVORO del cinema, possiamo dirlo con orgoglio, italiano!! Con la musica che ancora ricordo dell’immenso Tornatore…ricordare, ricordare… (L’ho visto 20 anni fa ed ancora lo ricordo!!Avevo 10 anni!

8 Giugno 2012 in Una pura formalità

Densa e avvincente la trama, insospettato e inaspettato il finale, ottimamente costruito, con una grande recitazione dei due Maestri! Davvero molto bello!!