Una lucertola con la pelle di donna

/ 19717.133 voti
Una lucertola con la pelle di donna

Carol Hammond è una giovane donna appartenente alla ricca borghesia londinese, figlia di un avvocato di successo con ambizioni politiche. Vive con Frank, avvocato e socio del padre e con la figliastra Joan. La donna è in cura presso uno psicanalista perché turbata da degli incubi ricorrenti nei quali si abbandona a effusioni saffiche con una vicina di casa, Julia Durer, una dissoluta donna che frequenta ambienti a dir poco equivoci. In uno di questi incubi Carol uccide la donna e un paio di giorni dopo scopre che la vicina è morta proprio come nel suo sogno. Ma c’è di più, accanto al suo cadavere viene ritrovata la sua pelliccia e il suo tagliacarte, prove schiacciante che la incastrano come potenziale assassina della donna. Ma l’ispettore Corvin non è convinto della colpevolezza della donna e comincia subito a indagare…
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Una lucertola con la pelle di donna
Attori principali: Florinda BolkanStanley BakerJean SorelSilvia MontiAlberto de MendozaPenny Brown, Mike Kennedy, Ely Galleani, George Rigaud, Ezio Marano, Franco Balducci, Luigi Antonio Guerra, Erzsi Paál, Gaetano Imbró, Leo Genn, Anita Strindberg, Tony Adams, Jean Degrave, Basil Dignam, Ursel Eberz, Piero Nistri, Fred Wood
Regia: Lucio Fulci
Sceneggiatura/Autore: Lucio Fulci, José Luis Martínez Mollá, André Tranché, Roberto Gianviti
Colonna sonora: Ennio Morricone
Fotografia: Luigi Kuveiller
Produttore: Edmondo Amati, Renato Jaboni
Produzione: Italia, Spagna, Francia
Genere: Thriller, Horror
Durata: 104 minuti

Uno dei migliori thriller del cinema nostrano / 4 Agosto 2017 in Una lucertola con la pelle di donna

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Opera di grande spicco nel panorama della lunga filmografia di Lucio Fulci oltre che uno dei più bei thriller del cinema nostrano.
A molti il titolo ricorderà il periodo d’oro di Dario Argento, ma bisogna subito dire che con i bellissimi film del regista romano questa bell’opera di Fulci non ha nulla a che spartire, non è il film con il classico maniaco con l’impermeabile nero, guanti e cappello che va in giro ad ammazzare a destra e a manca a causa di un trauma del passato(come accaduto in “Profondo Rosso”), ma tutta la pellicola si basa essenzialmente su una sorta di viaggio interiore di Carol, la protagonista del film, un viaggio nel suo inconscio alla disperata ricerca di se stessa e dei suoi traumi più nascosti.
Questo suo viaggio interiore avviene in un’epoca particolare, gli anni’70, il periodo della rivoluzione, degli Hippie, della controcultura, dell’emancipazione sessuale, delle droghe, degli inni alla pace.
Carol desidera abbandonare il suo mondo dorato e soffocante della borghesia benpensante(emblematica a questo proposito la scena della cena con la famiglia) e tuffarsi nel mondo spensierato degli hippie, ma a causa della rigida educazione che ha ricevuto dal padre questa sua voglia di libertà viene vista come una sorta di depravazione da tenere nascosta.
Un film come scritto sopra a metà strada tra sogno e realtà, tanto che i due arriveranno molto spesso a mescolarsi tra loro, come nel finale, dove non si riuscirà bene a capire se l’omicidio sia stato commesso realmente o se sia solo frutto dell’inconscio disturbato di Carol.
Un film da menzionare anche dal punto di vista tecnico, le inquadrature e i continui movimenti di macchina sono davvero degni di nota, così come la fotografia di Kuvellier, che contribuisce a rendere ancor più inquietanti le scene di questo bellissimo thriller onirico-surreale(terrificante e bellissima la scena dei pipistrelli, così come la terribile scena dei cani sventrati, che costò a Fulci e alla sua troupe una denuncia per maltrattamenti sugli animali da parte delle associazioni animaliste, senza sapere che gli animali usati sono tutti finti).
Uno dei migliori thriller del cinema nostrano, se siete appassionati del genere ve lo consiglio caldamente, non ne rimarrete delusi.

Leggi tutto

Che fine ha fatto il giallo italiano? / 28 Aprile 2017 in Una lucertola con la pelle di donna

Uno dei capolavori di Lucio Fulci, rappresentante quel genere che negli anni ’70 ha sfornato perle preziose del cinema nostrano (Dario Argento, La casa dalle finestre che ridono…), ma che poi boh, è totalmente scomparso.
Sarà forse che gli italiani si siano rassegnati all’egemonia USA con la vecchia scusa “Tanto i film li sanno fare solamente loro”?

Visivamente molto Dario Argento, grande ricchezza cromatica con passaggio di psichedelia anni ’60

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.