Recensione su I segreti di Twin Peaks

/ 19908.470 voti

18 Dicembre 2011

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho scoperto Lynch con questo lavoro (chissà se è stato un bene? 😀 ): avevo dodici anni e la storia morbosa ed onirica di Laura Palmer e delle indagini relative alla sua morte mi prese praticamente per i capelli.
Da parte dello spettatore, richiede molto impegno: la pletora di personaggi è quasi infinita, la trama è ingarbugliatissima e, purtroppo, degenera definitivamente durante la seconda serie.

Disturbante, avvincente, surreale, ironico, autoreferenziale, raffinato, chi più ne ha, più ne metta: questo serial televisivo è un ottimo (e forse esaustivo) compendio dello stile del regista statunitense.

Gran belle facce, stile impeccabile, costumi grandiosi e immagini che si sono insinuate nell’immaginario collettivo (dal Nano nella Red Room al picciolo delle ciliegie arrotolato con la lingua da Sherilyn Fenn).
Peccato per gli sbrodoloni narrativi sul finale: nonostante ciò, ricordo chiaramente che la faccenda della Loggia Nera ed il traviamento definitivo dell’Agente Cooper mi turbarono non poco.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext