Recensione su To Rome With Love

/ 20125.2482 voti

29 Aprile 2012

Non sono tra quelli che pretendono che ogni film debba essere un capolavoro.. però è vero che “To Rome with love” per vari motivi lascia un po’ a desiderare.
Prima di tutto gli stereotipi: posso capire le vespe, le cinquecento in primo piano, la pasta al sugo e l’opera lirica (se l’intento è quello di dipingere una tipica cartolina italiana tutto questo è inevitabile..), ma le donne che vengono rappresentate, sia psicologicamente che fisicamente, come forse non erano neanche negli anni ’50, le ho trovate fastidiose e anche ridicole ( le protagoniste vestite tipo la mia bisnonna, in modo assurdo, totalmente anacronistico… tutte le altre passanti ovviamente sono donne normali, a creare maggiore assurdità).
Le situazioni volutamente improbabili che vengono a crearsi nel film in effetti risultano divertenti, devo ammettere che ho riso un sacco, però si tratta comunque di gag senza alcun nesso tra loro.. è il nulla che tiene in piedi questo film, non c’è assolutamente niente che dia un senso finale al tutto.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext