?>Recensione | Titan A.E. | il fu un flop <i>TITAN</i>ico

Recensione su Titan A.E.

/ 20006.425 voti

il fu un flop TITANico / 28 marzo 2014 in Titan A.E.

Dai creatori di…Anastasia! e a seguire purtroppo non molto altro…Infatti proprio conseguentemente al fiasco di questo loro secondo lungometreggio la Fox Animation Studios chiuse i battenti e Don Bluth, un nome che ha fatto la storia dell’animazione riuscendo a scalzare con il suo studio la concorrenza della Disney durante gli anni ’80, sembrerebbe aver ormai dismesso le vie del cinema (sebbene mai apertamente, son pur passati 14 anni!).
Si trattò all’epoca di un grande esperimento, un progetto ambizioso di commistione fra animazione tradizionale e computer grafica inserito in una cornice cybepunk in cui ben si fondono fantascienza e pura azione; seppur l’esperimento finì con il rivelarsi un vero azzardo dal punto di vista commerciale, questo non ha impedito il formarsi nel tempo di un nutrito seguito di fans ed estimatori che lo ha reso di fatto un piccolo cult.
Per conto mio l’ho trovato piuttosto discontinuo: non mancano scene da kolossal, non mancano paesaggi mozzafiato cui si potrebbe volendo anche dare un nome,così da farli entrare di diritto nel cast; non mancano però neanche momenti in cui la cura per i dettagli viene meno, in cui le varie componenti non legano bene, passaggi inutili e colpi di scena poco originali, per questo ben poco scenici. Le astronavi, che sarebbero dovute essere uno dei punti di forza del film, quasi interamente realizzate in CGI , appaiono a tratti alquanto primitive, soprattutto nelle ambientazioni interne e poco fluide nell’animazione, un po’ dei mattoni spaziali. Come fu detto a suo tempo è come se il film restasse costantemente in bilico fra il grande lungometraggio d’animazione ed il cartone animato del sabato mattina. L’impressione è che malgrado l’idea di base fosse abbastanza interessante le varie problematiche sorte in fase di sviluppo, dal repentino cambio di regia, ai tempi fattisi ristretti, dal budget mal gestito ad una politica aziendale un po’ troppo calabrache ne abbiano in definitiva compromesso la riuscita.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext