Tideland - Il mondo capovolto

/ 20056.2125 voti
Tideland - Il mondo capovolto

I genitori della piccola Jeliza-Rose sono entrambi tossicodipendenti. Quando la madre muore per overdose, il padre prende con sé la bambina e da Los Angeles la porta a vivere in una casa nel Texas. L'uomo, però, finisce per passare a miglior vita come la moglie; senza più nessuno al mondo, Jeliza-Rose trova rifugio nella fantasia, finché non fa la conoscenza di una donna, Dell, che vive insieme al fratello, Dickens, affetto da ritardo mentale. Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Mitch Cullin.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Tideland
Attori principali: Jodelle FerlandJodelle FerlandJanet McTeerJanet McTeerJennifer TillyJennifer TillyJeff BridgesJeff BridgesBrendan FletcherBrendan FletcherDylan Taylor, Wendy Anderson, Sally Crooks

Regia: Terry GilliamTerry Gilliam
Sceneggiatura/Autore: Terry Gilliam, Tony Grisoni
Colonna sonora: Mychael Danna, Jeff Danna
Fotografia: Nicola Pecorini
Produttore: Jeremy Thomas, Gabriella Martinelli, Paul Brett, Peter Watson
Produzione: Canada, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Fantasy
Durata: 120 minuti

Dove vedere in streaming Tideland - Il mondo capovolto

Un fantasy irritante e inconcludente / 4 Novembre 2013 in Tideland - Il mondo capovolto

Invece di prendersi cura della loro figlia, l’undicenne Jeliza-Rose, mamma e papà si sparano le pere dalla mattina alla sera. Nonostante se ne freghino di lei, Jeliza-Rose vuole bene ai suoi genitori, tanto da preparare loro le siringhe con cui si bucano le vene per intraprendere i viaggioni sotto l’effetto dell’eroina. A furia di bucarsi, però, prima la mammina e poi il papino ci lasciano le penne, e la ragazzina si ritrova sola soletta, ma non per molto, dato che dopo essersi stabilita nella casetta della nonnina, Jeliza-Rose finisce per incontrare una svitata che va in giro vestita da strega, Dell, e il di lei fratello, Dickens, che, a modo loro, l’aiutano a superare la solitudine. Dispiace dirlo, perché Terry Gilliam è un regista dotato di una fervida fantasia che in passato ha dato ottima prova di sé, ma “Tideland” è un film veramente brutto e indifendibile. Questa volta la mente visionaria dell’ex Monty Python ha generato una pellicola (tratta dall’omonimo libro di Mitch Cullin) senza capo né coda che, tra scoiattoli che parlano e scontate citazioni da “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie” di Lewis Carroll, si trascina stancamente per due ore facendo sprofondare lo spettatore nella noia più assoluta.
Gli sbadigli si sprecano, mentre si guarda questo film soporifero, e sovente si consulta l’orologio per sapere quanto manca alla fine, che pare non arrivare mai, e che quando finalmente giunge delude assai, di questo fantasy irritante e inconcludente che non va da nessuna parte e che sembra scritto e diretto con la mano sinistra. Gilliam, che oltre a incaricarsi della regia sceneggia a quattro mani con Tony Grisoni, scade spesso nel ridicolo, condannando così il film al fallimento. “Tideland” è un clamoroso pastrocchio che, tra mille difetti, ha l’unico pregio di essere ben fotografato da Nicola Pecorini, a cui tocca il compito di illuminare gli ambienti in cui si svolge la tediosa vicenda.
Il vero Gilliam non è questo, ma quello di “Brazil”, “La leggenda del Re Pescatore” e “Le avventure del Barone di Münchausen”, film splendidi da cui “Tideland” è distante anni luce. Non si capisce come un attore del calibro di Jeff Bridges (che interpreta il padre di Jeliza-Rose, Noah) abbia potuto farsi coinvolgere in un simile pasticcio; forse sono stati i soldi a convincerlo, o, molto più probabilmente, la fama di genio che accompagna Gilliam, ma resta il fatto che vederlo recitare nella parte di un musicista rock che si diverte a scoreggiare come un dannato fa venire una grande tristezza.

Leggi tutto

1 Luglio 2013 in Tideland - Il mondo capovolto

È il film più malato che abbia mai visto (fin’ora sul podio c’era Pink Flamingos, tutt’altro genere e storia), m’è piaciuto molto.
Il breve intro del regista a inizio film aiuta sicuramente chi ha difficoltà a capire/immedesimarsi nei bambini quindi spero che al cinema abbiano proiettato anche quello e non solo il film.
Riesce ad essere molto inquietante, triste, tenero e divertente allo stesso tempo, ci si stupisce di come si riesca a sorridere di fronte a scene dal contenuto orribile nonostante non sia un film comico, c’è un perfetto equilibrio tra presentazione della realtà e fantasia.
La fine ha un so che di assolutamente inquietante.
Jodelle Ferland è bravissima!

Leggi tutto

CAPOLAVORO! / 12 Febbraio 2013 in Tideland - Il mondo capovolto

un film fenomenale, visto con gli occhi di un bambino è un film dolce e divertente mentre visto con la coscienza di un adulto può trasformarsi nella peggiore delle tragedie.. al contrario di una delle solite favole in cui la fantasia viene assorbita passivamente, in questo film la fantasia è una costante attiva, un mezzo attraverso il quale la realtà si distorce e si trasforma in un gioco. La vita può essere un gioco innocente. L’autore abbatte i muri dell’ipocrisia; le emozioni e i sentimenti spontanei e senza pregiudizio animano la vita della bambina, che affronta il tutto con uno spirito ingenuo. Un grido di guerra contro l’appiattimento dei sensi dei soliti film hollywoodiani. Un film che merita 10.

Leggi tutto

Il film più strambo che abbia mai visto / 8 Febbraio 2012 in Tideland - Il mondo capovolto

Stupendo…uno dei miei film art-house preferiti. Peccato per chi non sia riuscito a comprendere la bellezza artistica di queste scene… per me rimane un capolavoro.

25 Febbraio 2011 in Tideland - Il mondo capovolto

Non ce l’ho fatta a finirlo. Inguardabile

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.