The Tender Bar - Il bar delle grandi speranze

/ 20216.517 voti
The Tender Bar - Il bar delle grandi speranze

Film tratto dall'omonimo romanzo di J. R. Moehringer. Prima metà degli anni Settanta. J.R., ragazzino senza padre, cresce nel bar dello zio Charlie, un posto dove transita gente di ogni genere. Charlie è la punta di diamante del locale, uno dei soggetti più brillanti e interessanti in circolazione. La madre di J.R. vorrebbe assicurare al bambino una vita migliore della sua e permettergli di andare all'univerità, per diventare avvocato. Ma J.R. scopre di essere decisamente portato per la scrittura e sogna di diventare un romanziere.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Tender Bar
Attori principali: Ben AffleckBen AffleckTye SheridanTye SheridanLily RabeLily RabeChristopher LloydChristopher LloydMax MartiniMax MartiniRhenzy Feliz, Briana Middleton, Max Casella, Sondra James, Michael Braun, Daniel Ranieri, Matthew Delamater, Ivan Leung, Billy Meleady, Danielle Ranieri, Kate Avallone, Mark Boyett, Quincy Tyler Bernstine, Ezra Knight, David Carl, Shannon Collis, Keira Jo Lassor, Jennifer C. Johnson, Michael Steven Costello, Kate Middleton, Jackson Damon, Caroline Bergwall, Daniel Washington, Jenny Eagan, Steve Gagliastro, Annabella Valle, Clara Kelly, Meara Mahoney-Gross, Ron Livingston, Mostra tutti

Regia: George ClooneyGeorge Clooney
Sceneggiatura/Autore: William Monahan
Colonna sonora: Dara Taylor
Fotografia: Martin Ruhe
Costumi: Jenny Eagan, Dana Pacheco
Produttore: George Clooney, Ted Hope, Barbara A. Hall, Grant Heslov, J.R. Moehringer
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia, Biografico
Durata: 104 minuti

Dove vedere in streaming The Tender Bar - Il bar delle grandi speranze

Storia di formazione male imbastita / 11 Gennaio 2022 in The Tender Bar - Il bar delle grandi speranze

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Storia di formazione davvero mal imbastita.
Non ho letto il libro da cui è stato tratto il nuovo film da regista di George Clooney, ma -di suo- il film soffre di tremendi buchi di sceneggiatura (l’adolescenza del protagonista non esiste, e va beh, mettiamo che sia una scelta), superficiale caratterizzazione dei personaggi (di alcuni, non ho neppure afferrato il nome: brutto segno) e scarsa consequenzialità (es. a che pro la sequenza dello zio Charlie in ospedale? A che pro la malattia della madre? A che pro il paio di dialoghi con il prete, che sembrano solo piccoli ma inconsistenti duelli di -come posso dire…- arguzia? Nessuno di questi elementi narrativi sembra scalfire la superficie delle cose).
A latere, la voce narrante è un surplus didascalico, a tratti fastidioso (non so se questa sensazione sia dipesa dall’enfasi impropria applicata, a più riprese, nella versione italiana, dall’altrove altrimenti bravo Stefano Benassi).

Dulcis in fundo (in negativo), l’assoluta mancanza di somiglianza fra Daniel Ranieri (JR piccolo) e Tye Sheridan (JR ventenne)… Com’è possibile che, da nero di capelli e di occhi, JR diventi biondo (ancora ancora, metti che schiarisce, hai visto mai) e con gli occhi azzurri (questo si che è difficile da spiegare)?

Assegno 5 stelline solo perché costumi, scenografia, fotografia e colonna sonora sono molto buoni e, dopotutto, anche la regia è molto dignitosa (ma Clooney aveva già dimostrato in precedenza di saper gestire bene la macchina da presa).
Per il resto, delusione.

Leggi tutto

Lontano dal libro / 10 Gennaio 2022 in The Tender Bar - Il bar delle grandi speranze

A che pro fare il film di “Il bar delle grandi speranze” e non metterci la scena dove zio Charlie commenta il match di Sugar Ray Leonard, uno dei più grandi monologhi mai letti e l’unico momento del libro che aveva senso mettere in scena?

Tutto quello che rende grandioso il memoir di JR Moehringer qui non c’è. Il film è un generico romanzo di formazione americano. Il libro invece fu una rivelazione.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.