La foresta dei sogni

/ 20156.760 voti
La foresta dei sogni

Arthur Brennan intraprende quello che potrebbe essere il suo ultimo viaggio. Dagli Stati Uniti, infatti, parte alla volta della Foresta Aokigahara, nota anche come la Foresta dei Suicidi, situata ai piedi del Monte Fuji, in Giappone. L'uomo, non a caso, intende porre fine ai suoi giorni. Giunto sul posto, però, incontra Takumi, un giapponese a sua volta propenso al suicidio. I due iniziano a riflettere sulle proprie intenzioni.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Sea of Trees
Attori principali: Matthew McConaugheyMatthew McConaugheyKen WatanabeKen WatanabeNaomi WattsNaomi WattsKatie AseltonKatie AseltonJordan GavarisJordan GavarisJames Saito, Ai Yoshihara, Ryoko Seta, Sienna Tow, Abe Lee Tsunenori, Ikuma Ando, Juzo Yoshida, Tatsuki Motoyoshi, Richard Levine, Hyunri, Mostra tutti

Regia: Gus Van SantGus Van Sant
Sceneggiatura/Autore: Chris Sparling
Colonna sonora: Mason Bates
Fotografia: Kasper Tuxen
Costumi: Danny Glicker, Katie Saunders
Produttore: Gil Netter, F. Gary Gray, Chris Sparling, Kevin Halloran, Ken Kao, E. Brian Dobbins, Allen Fischer
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 110 minuti

Dove vedere in streaming La foresta dei sogni

Bello / 8 Febbraio 2018 in La foresta dei sogni

Film interessante, con un colpo di scena finale, che non mi sarei immaginata

“Mi dispiace” / 23 Maggio 2017 in La foresta dei sogni

Nonostante sia un po’ prevedibile… dai, godibile.
Particolarmente indicato se, come me, siete “lacrima facile”.
Ottima interpretazione.
Film che fa riflettere.

La morte a volte porta qualcosa di bello? / 19 Settembre 2016 in La foresta dei sogni

Sì questo film forse è scontato, forse si può intuire fin dall’inizio cosa accadrà ai personaggi, forse tutto quello che volete ma resta il fatto che è un bel film. Dolce, triste e pieno di quel gusto amaro della vita vera. Ambientazioni e recitazione stupenda.

L’amore ed il perdono. / 16 Settembre 2016 in La foresta dei sogni

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un uomo che per espiare i sensi di colpa decide di andare a morire in una foresta in Giappone. Li farà un incontro che gli chiarirà le idee. Un film in cui nonostante tutto c’è un inno all’amore.
Se si è nello stato d’animo lo consiglio.

“ ‘Tu l’amavi?’
‘Più di ogni altra cosa.’
‘Allora perché le hai fatto questo?’ ”

“C’è sempre un momento che ti sbatte a terra e ti cambia la vita.”

Leggi tutto

6- / 8 Maggio 2016 in La foresta dei sogni

Al di là del fatto che capisci tutto quello che succederà al minuto 5, al di là del fatto che Gus te lo deve spiegare 40 volte nei 15 minuti finali, cosi, per essere a prova di idiota.. il film è è godibile.

Ho letto che per alcuni questo è il film più brutto di Gus Van Sant, evidentemente non hanno visto Psycho.
Parlando pane al pane, vino al vino e patonza alla patonza, non è che io straveda per il suo cinema. Non sto qui a farvi il pippone su cosa pensi di gran parte del lavoro di Gus Van Sant perché rischierei una denuncia e francamente è l’ultima cosa di cui ho bisogno in questo momento. Senza dubbio ha un paio di problemi grossi: il primo è il fatto che ti voglia far piangere a tutti i costi ma non ci riesci Gus, le mie lagrime hanno un prezzo, caro Gus, e ho già pagato il biglietto, Gus; il secondo è che in un due/tre scene approdiamo sul “pianeta patetico” dove per patetico intendo sia le scene che suscitano compassione sia quelle che sono quasi imbarazzanti.

Per dire, c’è la sequenza sul faccione di Mattew McConaughey che piange, no? Avete presente Mattew con gli occhialetti a cerchietto? Ecco, Gus piazza la mdp proprio d’avanti al faccione suo e c’è una sequenza lunghissima sul volto in primo piano di Mattew in lacrime.

Giustamente hai Matteo che è capace di piangere e lo usi, d’accordissimo, però a una certa a me fracassi il ca**o che neanche la mia vicina quando mette il Santo Rosario su Telenomecattolicoacaso a tutto volume.
Ad ogni modo ho trovato parecchio interessante tutto quello che è stato girato all’interno della foresta di Aokigahara alle pendici del Monte Fuji e tutto quello che rappresenta la foresta.

Leggi tutto