The Sacrament

/ 20136.125 voti
The Sacrament

Un giornalista, un cameraman e un fotografo si recano in una comunità lontana da qualsiasi centro abitato, quando la sorella del fotografo lo contatta, invitandolo a farle visita per mostrarle il luogo in cui ha riversato sudore, soldi e speranze. Il carismatico leader del gruppo, chiamato 'Il Padre', ha promesso pace e tranquillità alla comunità, ma, fin da subito, è evidente che qualcosa non quadra.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Sacrament
Attori principali: Joe SwanbergJoe SwanbergAJ BowenAJ BowenKentucker AudleyKentucker AudleymaschioGene JonesAmy SeimetzAmy SeimetzKate Forbes, Conphidance, Derek Roberts, Shirley Jones Byrd, Shaun Clay, Dale Neal, Kate Lyn Sheil, Donna Biscoe, Tovin A. Pristell, Christian Ojore Mayfield, Shawn Parsons, Talia Dobbins, Madison Absher, Dallas Johnson, Kris Rey, Nick Damici, Helen Rogers, Millie Wannamaker, Mostra tutti
Regia: Ti WestTi West
Sceneggiatura/Autore: Ti West
Colonna sonora: Tyler Bates
Fotografia: Eric Robbins
Costumi: Wendy Moynihan
Produttore: Eric Newman, Eli Roth, Stuart Ford, Ti West, Peter Phok, Molly Conners, Christopher Woodrow, Jacob Jaffke, Maria Cestone, Sarah E. Johnson, Hoyt David Morgan
Produzione: Usa
Genere: Thriller, Horror
Durata: 99 minuti

Dove vedere in streaming The Sacrament

Anestetizzante / 21 Ottobre 2016 in The Sacrament

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

The Sacrament è la conferma che io e Ti West non ci intendiamo fino in fondo.
Permane e si cementifica, letteralmente, la sensazione che il “figlioccio” di Eli Roth sia un gran virtuoso della tecnica cinematografica, ma che non sappia gestire a dovere la materia narrativa.
A fronte di premesse sempre molto intriganti, infatti, la risoluzione dei suoi film, finora, mi ha sempre lasciata perplessa: puntualmente, a visione ultimata, ho la sensazione di aver perso il mio tempo.

In questo caso, West ripropone quasi pedissequamente un fatto di cronaca realmente avvenuto in Guyana nel 1978 e noto come il massacro di Jonestown, il più grande suicidio di massa della storia contemporanea (all’interno della comunità, sono stati rinvenuti più di 900 cadaveri): lo ambienta ai giorni nostri, cambia il nome del luogo e delle persone coinvolte, ci mette in mezzo la redazione di VICE, riduce il numero delle vittime.
Nonostante tali differenze, paradossalmente, stupisce in maniera molto positiva l’attenzione rivolta alla ricostruzione del luogo e alla successione degli eventi. Stando alle fonti documentarie, infatti, l’aspetto architettonico e l’organizzazione “urbanistica” della comunità del film ricorda molto quelli della vera Jonestown e anche lo sviluppo degli eventi coincide largamente con quelli riportati dalle cronache (perfino il colore del veleno, la foggia dei contenitori usati e i suoi metodi di somministrazione sono gli stessi).

La sensazione che il film ha generato in me lungo il suo dipanarsi è curiosa: azzardo a definirla anestetica, perché, pur mettendo in scena un dramma delirante, West non è stato in grado di inquietarmi davvero, placando la mia possibile paura con un film che mi è parso piatto. Non so definire nel dettaglio cosa manca a questo lavoro perché possa considerarlo riuscito. Certo è che, pur usando i cliché del thriller a sfondo gore (non è un caso che ricorra al mockumentary in stile Hooper per raccontare la storia di Jonestown), il film non è mai stato in grado di spaventarmi in maniera elementare.
Del “padre”, un pur bravo Gene Jones (celato dietro impenetrabili occhiali dalle lenti oscurate come il vero fondatore della comunità, Jim Jones, con cui condivide anche un impressionante caso di omonimia, legata anche all’assonanza dei nomi, oltre che dalla coincidenza dei cognomi), si fatica a cogliere la capacità manipolatoria: la scena dell’intervista rilasciata al giornalista di VICE è emblematica nella descrizione di un personaggio potenzialmente molto affascinante, ma irrisolto nella definizione del suo carisma che, a parer mio (leggasi, limite mio), si riduce perlopiù ad una capacità oratoria tipica delle comunità battiste e pentecostali. Benché il personaggio presupponga “per costituzione” dei chiaroscuri, questi non sono particolarmente evidenti: compaiono, ahimé, troppo fuggevolmente (es. l’uomo sembra, sottolineo sembra, avere rapporti intimi con la sorella del fotografo; poco prima della sua morte lo vediamo intento a sniffare droga…) per contribuire a definire agevolmente un “cattivo” a tutto tondo. Il plagio mentale e fisico nei confronti dei suoi accoliti mi è parso impalpabile, insufficiente a creare la giusta atmosfera disturbante.

Nonostante sia rimasta ancora delusa da lui, confesso che, in virtù del nostro felice primo incontro (The House of the Devil), aspetto comunque con curiosità il nuovo lavoro di West, In a Valley of Violence, ambientato (uh uh uh) nel vecchio West.

Leggi tutto

LA CASA DEL PADRE / 11 Luglio 2016 in The Sacrament

Ti West è uno dei giovani registi che tengo maggiormente sott’occhio e con questo “the sacrament” mi ha confermato che l’attenzione è giustificata. Generalmente non mi piacciono i film in soggettiva ma questo è concepito bene e con la scusa del reportage, l’uso della videocamera trova una sua collocazione naturale al centro del racconto. La storia è chiaramente ispirata al noto massacro di Jonestown, anzi…è il resoconto del massacro di Jonestown…le differenze sono poche e irrilevanti ai fini del racconto.

Ho adorato l’interpretazione del “padre” da parte di Gene Jones, eccezionale nel regalarci una figura carica di carisma e pervasa da un alone di mistero. Durante l’intervista pendevo dalle sue labbra.
La messa in scena è più che soddisfacente anche se il numero delle persone coinvolte è nettamente inferiore nel film che nella realtà ma si sa… le comparse costano. A tal proposito il numero delle vittime nel film non è casuale. La colonna sonora è quasi costantemente presente con suoni grevi e regolari.

Il finale è un crescendo di follia e inquietudine e Ti West mette insieme i pezzi per dare vita ad un vero Horror/Dramma.

Leggi tutto