?>Recensione | Revenant - Redivivo | Grugniti nella foresta

Recensione su Revenant - Redivivo

/ 20157.4601 voti

Grugniti nella foresta / 21 gennaio 2016 in Revenant - Redivivo

Un Iñárritu irriconoscibile per un Di Caprio tutto grugniti orseschi e visioni in audio ovattato, un corpo sottoposto a ogni tempra possibile versione Rambo (lo so è assurdo, ma ho avuto perfino il dubbio di qualche citazione, magari inconscia…). Non è un brutto film, è un film incerto se prendere la direzione pensosa e intimista nei canoni del regista o intraprendere la corsia accelerata del western revenge d’azione, e ne vien fuori un ibrido senza originalità. Anche il villain di Hardy sconta questa incertezza; per uscire dai canoni del sadico bastardo che porta ogni spettatore a immedesimarsi nella vendetta del protagonista, il personaggio di Fitzgerald ne esce quasi giustificabile, solo un egoista che pensa alla pellaccia sua e contro il quale non nutriamo tutta sta gran sete di sangue.
L’osanna generale per la fotografia di Lubezki dovrebbe tener conto della “facilità” di immortalamento di neve immacolata, mulinelli d’acqua, austere sequoie e fuochi di campo notturni; con una natura così e le lenti giuste, mi sembra difficile sbagliare il colpo.
L’Oscar agli effetti è assicurato, l’orso in CG è quasi perfetto.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext