2012

Il fondamentalista riluttante

/ 20126.840 voti
Il fondamentalista riluttante
Il fondamentalista riluttante

Changez è un giovane pakistano trasferitosi negli Stati Uniti per frequentare l'università. Assunto da un'importante azienda che si occupa di stime finanziarie, egli è combattuto tra il desiderio di essere accettato dalla società occidentale e l'amore per la famiglia ed il suo Paese. E, poi, arriva l'11 settembre 2001.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Reluctant Fundamentalist
Attori principali: Riz AhmedKate HudsonLiev SchreiberKiefer SutherlandOm PuriShabana Azmi, Martin Donovan, Nelsan Ellis, Haluk Bilginer, Meesha Shafi, Imaad Shah, Christopher Nicholas Smith, Ashwath Bhatt, Sarah Quinn, Chandrachur Singh, Adil Hussain, Ali Sethi, Deepti Datt, Gary Richardson, Sonya Jehan, Golam Sarwar Harun, Rohan Gupta, Claire Roberts Lamont, Victor Slezak, Ismail Bashey, Mahmood Mamdani, Taylor St. Clair, Roy McCrerey, Clayton Landey, James Sutton, Jamie Moore, Vince Canlas, Yinka Adeboyeku, Amuche Chukudebelu, Cody Parker, Kuldeep Lulla, Daksh Vashisht, Charu Shankar, Javed Basu Kesselman, Bradford Haynes, Kartikeya, Josiah Lyricq, Byron Carvil Cecil Napier, Mark Oliver, Jimmy R. Perdue Jr., Tim Campione, Keenan Carver, Momo Casablanca, John Darko, Robert Bryan Davis, Ashlyn Henson, Cait Johnson, Zack Kibria, Ryan Nesset, Megan Pigott, John Mark Ridings, Joel Rogers, Wendy Schweitzer, Jawad Talpur, Erik Thirsk, Uzimann, Karen Valero, Christian Wallace
Regia: Mira Nair
Sceneggiatura/Autore: William Wheeler
Colonna sonora: Michael Andrews
Fotografia: Declan Quinn
Costumi: Arjun Bhasin
Produzione: Qatar, Gran Bretagna, Usa
Genere: Drammatico
Durata: 130 minuti

Il fondamentalista riluttante: Nair incolore / 21 Dicembre 2014 in Il fondamentalista riluttante

(Cinque stelline e mezza)

Benché tematicamente interessante, il film della Nair, apprezzatissima con Kamasutra (1996) e Monsoon Wedding (2001), è facilone, semplicistico nelle dinamiche e negli sviluppi.
Bravo Riz Ahmed, assolutamente incolori Liev Schreiber (sulle cui doti interpretative continuo a nutrire personali profondissimi dubbi) e Kate Hudson.

Intrattiene, ma con riserva.

Leggi tutto

Amore/odio / 13 Gennaio 2014 in Il fondamentalista riluttante

All’interno di una situazione coronata da continue proteste da parte di fondamentalisti islamici, aggravata dal sequestro di un giornalista, a Lahore, Pakistan, il giovane professore Changez Kahn accetta di farsi intervistare dal giornalista americano Bobby Lincoln, raccontandogli di come è cambiata la sua vita dopo l’11 settembre: da giovane rampante nel campo della finanza a islamico da temere.

Se gli americani nei suoi confronti provano un sentimento o di amore o di odio, anche il suo nei confronti dell’America muta e non si delinea perfettamente: “Io amo gli Stati Uniti d’America” ripete sempre, con qualche riserva dovuta a come gli Stati Uniti si approcciano alla sua nazionalità e religione.

Mira Nair firma un film che suscita molte polemiche, sia da parte degli americani che da parte dei Pakistani, in quanto racconta una situazione ostile all’interno di un paese che non è il suo, ma ciò nonostante, non delinea marcatamente una sua presa di posizione; il compito ingrato sta allo spettatore, anche se alla fine si trova abbastanza spaesato, perchè la linea ideologica di Changez non è poi così chiara: si schiera con i connazionali ma con riserve, perchè, nonostante il trattamento non idilliaco a cui è stato sottoposto nel paese ospitante, a quest’ultimo deve molto, la sua carriera, la sua fortuna, l’amore che ha trovato nella fotografa Erica (bravissima Kate Hudson). Ad accentuare questo sentimento globale nei confronti della pellicola, che più che essere di stampo politico è contornata da forti sentimenti e rapporti che si delineano man mano che la narrazione procede è l’eccellente Riz Ahmed, che regala al pubblico un’interpretazione che ti disorienta, non sai se amarlo o odiarlo, se quello che racconta al giornalista ha un fine preciso o se è anche lui confuso, come il contesto nel quale si trova a suo discapito.

Leggi tutto

25 Novembre 2013 in Il fondamentalista riluttante

Mira Nair dirige un film modesto, che non si inquadra nettamente nè all’interno del filone spionistico, nè dell’action-thriller, nè tantomento, nel dramma d’accusa. E’ un pò di tutto e, forse per questo, non incide a sufficienza. Un pò come era stato Rendition con Jake Gyllenhll.
Buona interpretazione del cast (bravo soprattutto Keifer Sutherland, mentre Kate Hudson ha lo sguardo di quella perennemente assonnata e svogliata), ma non c’è originalità. Tutto appare semplificato e stereotipato, dalle reazioni della gente all’11 settembre, al percorso che compie il protagonista, la sua “redenzione” morale, la sua ricerca di verità non fondamentali.
Di storie così ormai se ne sono sentite tante…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.