Relic - L'evoluzione del terrore

/ 19975.813 voti
Relic - L'evoluzione del terrore

A researcher at Chicago's Natural History Museum returns from South America with some crates containing his findings. When the crates arrive at the museum without the owner there appears to be very little inside. However, police discover gruesome murders on the cargo ship that brought the crates to the US and then another murder in the museum itself.

Titolo Originale: The Relic
Attori principali: Penelope Ann MillerTom SizemoreLinda HuntJames WhitmoreClayton RohnerChi Muoi Lo, Thomas Ryan, Robert Lesser, Diane Robin, Lewis Van Bergen, Constance Towers, Francis X. McCarthy, Audra Lindley, John Kapelos, Tico Wells, Mike Bacarella, Gene Davis, John DiSanti, David Proval, Jophery C. Brown, Don Harvey, Ronald Joshua Scott, Dave Graubart, Santos Morales, Ralph Seymour, Mandy Ingber, Lyn Alicia Henderson
Regia: Peter Hyams
Sceneggiatura/Autore: Amy Holden Jones, John Raffo, Rick Jaffa, Amanda Silver
Colonna sonora: John Debney
Fotografia: Peter Hyams
Costumi: Daniel J. Lester, Elinor Bardach
Produttore: Sam Mercer, Gary Levinsohn, Gale Anne Hurd, Mark Gordon
Produzione: Germania, Giappone, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Usa
Genere: Orientale, Azione, Drammatico, Horror
Durata: 110 minuti

12 Settembre 2013 in Relic - L'evoluzione del terrore

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Liberamente ispirato al romanzo della coppia Preston&Child, questo film rispecchia solo in parte il proprio titolo. Si parla di evoluzione, sì, ma non c’è nulla di terrorizzante. Il che, dato che viene presentato come un horror, fa riflettere. Questo è un film di pseudo-fantascienza, oltretutto di bassa qualità. Evito un commento alla cover italiana del DVD.
Come purtroppo accade sempre più di frequente, i realizzatori credono di poter bilanciare una trama raffazzonata con delle musiche ansiose alla Squalo-maniera. Accade per un motivo che ha del ridicolo, in un film basato su un romanzo: quest’ultimo non viene rispettato, e di conseguenza neanche lo spettatore. Ne risulta che l’intreccio non risponde a tutte le domande sparse qua e là, che il mostro è idiota e i protagonisti si comportano avventatamente, senza riflettere.
Per motivi oscuri, l’azione si svolge a Chicago, a differenza del libro, ambientato a New York. Che ‘Chicago’ suoni meglio?
Il tenente D’Agosta, anche se interpretato dal bravo Tom Sizemore, è un personaggio privo del benché minimo spessore. Viene dipinto come un uomo estremamente superstizioso (in evidente assonanza con la mostra), timoroso di qualunque credenza popolare, dai gatti neri alle scale, e questo non gli conferisce l’autorità che dovrebbe rappresentare. Non si pensa che possa essere lui a salvare la situazione, non ispira rispetto né fiducia.
Dopotutto non è lui il vero protagonista del libro, bensì Margo. Ma lei è sopraffatta dalla paura, non sa affrontare il pericolo con sangue freddo, ed è per questo che dovrebbe entrare in scena l’agente dell’FBI Pendergast. Un’apoteosi di intelligenza, saggezza e colpi di scena, il migliore. Chiaramente nel film non ce n’è traccia, cosa che non ha fatto contenti Preston e Child, i quali hanno commentato allibiti: “Non è che il film ci sia piaciuto molto…”
Scomparso nel nulla anche l’esilarante ma brillante Smithback, giornalista d’assalto, in favore di una fusione tra altri due personaggi. Nel romanzo, Lavinia Rickman e Ian Cuthbert hanno le loro ragioni d’essere, ma nel film diventano un personaggio solo, la signora Cuthbert (bravissima l’attrice, bisogna dirlo).
La storia dovrebbe aprirsi con l’omicidio di due bambini, che tuttavia sulla celluloide rimangono vivi e vegeti, solo per allungare il brodo e far ammazzare qualcun altro alcuni minuti dopo.
Il mostro si chiama ‘Kothoga’, che è più bello di ‘Mbwun’, ed è il risultato della mutazione genetica di un essere umano. Nel libro è ben chiaro, e stranamente pure nel film. Soltanto, nel libro ha un aspetto scimmiesco, che richiama un barlume di umanità, mentre nel film è proprio un mostro schifoso, viscido, puzzolente, dotato di chele (!) che di umano ha solo un paio di cellule. Prima della mutazione, il suo nome era Julian Whitney (invece di Whittlesey, perché se no il pubblico scemo non se lo ricorda bene). Peraltro, essendo in parte umano, dovrebbe essere intelligente… e invece no. Davanti a una porta d’acciaio, anziché arrendersi e tornare indietro, preferisce prenderla a testate fino a fare un lago di sangue sul pavimento, così Margo può prenderne un po’ e analizzarlo. Però, prima di morire, si toglie una soddisfazione tipica di un attacco di lussuria tutto umano: si appiccica a Margo, la fissa, sbava e le dà una bella leccata, abbastanza vicino perché lei possa dargli fuoco e ammazzarlo. Fine.
Sconsigliato.

Leggi tutto

Rovinato! / 9 Marzo 2013 in Relic - L'evoluzione del terrore

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Deluso al massimo perché il romanzo di Preston&Child è stato completamente stravolto. Mantiene sì il nocciolo, ma personaggi importanti (come Pendergast) sono stati tagliati rendendo la storia meno convincente e soprattutto rendendo il tutto un po’ troppo poco credibile (già di per sé la storia è abbastanza assurda).
Inoltre – rispetto al romanzo – il prologo si svolge poco più di un mese prima rispetto ai fatti principali e dunque il mostro non “risiede” da anni nei sotterranei del museo come invece viene ben raccontato nel libro. Inoltre la storia si trasferisce da New York a Chicago, ma questo è evidentemente il minore dei mali. Peccato!

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.