La tartaruga rossa

/ 20167.582 voti
La tartaruga rossa

Un naufrago approda su una grande isola deserta, popolata solo da tartarughe, granchi e uccelli.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: La tortue rouge
Attori principali: Emmanuel GarijoTom HudsonBaptiste GoyAxel DevillersBarbara BerettaRegia: Michael Dudok de Wit
Sceneggiatura/Autore: Michael Dudok de Wit, Pascale Ferran
Colonna sonora: Laurent Perez del Mar
Produttore: Toshio Suzuki
Produzione: Giappone, Francia, Belgio
Genere: Orientale, Azione, Animazione, Animazione
Durata: 80 minuti

HEY! / 13 Maggio 2017 in La tartaruga rossa

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho trovato un cinema spaziale nella nuova città, peccato che fosse pieno di bambini, peccato che molti genitori non avessero capito che fosse un film d’animazione non veramente adatto a tutte le età – sotto una certa è NO! Per cui siam stati tutto il film con bambini quattrenni che frignavano. E in effetti, perché in questo film muore qualsiasi cosa, avessi 4 anni ci rimarrei male pure io. Perché è una sorta di celebrazione della natura, e nella natura si muore un sacco – e viceversa.
Tempesta, un tizio naufraga su un’isola. Ha con sé, uhm, un barile. Vuoto. Giustamente, è un po’ scorato. Non parla, non parlerà mai, non parlerà mai nessuno (vaglielo a spiegare, al quattrenne che hai obbligato a stare lì), al massimo si sentiranno versi tipo “grunf”, “ouch” e un quasi parola tipo “hey!”. Quest’isola è troppo fica, piena di coca e mignotte. NO! En fait, non c’è nulla, palme, simpatici granchi che lateralmente lo osservano nei suoi tentativi di fuga. Solerte e soleggiato, costruisce più zattere, ma ogni volta è ributtato indietro dall’orizzonte e da una testuta tartaruga rossa. Ti dico subito che a me piacciono le tartarughe quando si chiamano Marta, perché poi puoi dire TartaMarta. Questa ovviamente no, in un film muto i nomi sono accessori. Insomma finalmente riesce ad ammazzare la tartaruga, e voi direte brodo per tutti. NO! Se ne pente, in fondo era l’unica compagnia, la veglia sulla spiaggia. La tarta diventa una tizia irlandese (e non facciamo battute sconce sulle rosse di capelli) fichissima e che gliela da quasi subito (aka: si innamorano). Bon, lui non vuol più andarsene, ha la gnocca, ha un’isola tutta dove la temperatura è 30° sempre, e chi l’ammazza. Manco lo tsunami, che arriverà, perché lo salva il figlio. Avranno infatti un figlio, che nasce gioca cresce e poi se ne va insieme a tre tartarughe, perché dai, per un ado stare in un posto così sai cheppalle. Intanto Lui e lei invecchiano, lui muore. Lei ritorna tartaruga e riprende, l’orizzonte e il mare. Regista olandese, intimismo, benedetto da Miyazaki (ah beh allora c’hai ragione tu comunque), wikwokwak o come si chiama crea un film non per tutti, e manco tra gli adulti. Che celebra la vita e la natura e in c**o alla società che tanto fa schifo. Lo fa attraverso gli occhi dei granchi e un’animazione old style, carboncino e acquarello, con fondali fissi e minuziosi su cui si muovono i protagonisti e il mare, dai colori tenui. La metafora si spreca, e la rinuncia a partire e il fatto che sta tartaruga diventi davvero una irlandese oppure no sono polinterpretabili da tutti i lati, per cui contano meno dell’accettazione di una vita semplice una volta compreso che forse già si ha quel che serve tutto.
E ora fuori di qui tutti i bambino sotto una certa! E i genitori, pure, che la colpa è sempre loro!

Leggi tutto

Perfezione / 29 Marzo 2017 in La tartaruga rossa

Il film ha tutto: spaventa, commuove, fa sognare. Nonostante sia un film particolare, mi sento di consigliarlo un po’ a tutti, secondo me è sorprendentemente bello sia per trama che per disegni.

Pretestuoso… / 29 Marzo 2017 in La tartaruga rossa

Naufrago nel mezzo dell’oceano si ritrova in un isola che diventerà il suo inferno e il suo paradiso.
La secondarietà dell’uomo di fronte alla natura. Le inutili parole umane e l’assordante rumore delle onde, del vento e degli animali presenti in quell’isola.
Tra sogni e valori, questo cartone animato lascia sicuramente un segno per il suo tentativo di essere originale e pregno di emozioni ma a mio avviso delude.
Sicuramente il tratto dei disegni quasi bidimensionali con quello che oggi si riesce a fare con le nuove tecniche lo si apprezza per la pulizia e il tratto molto particolare. Ma il resto che non lascia molto allo spettatore, almeno a me. Tutta questa poesia, tutta questa magnificenza, tutte queste immagini straordinarie… Beh di cartoni animati migliori ce ne sono. Dei più recenti KUBO ad esempio per trama, disegni e fascino è di un’altra categoria…
Ma tutto è soggettivo ovviamente.
A voi la scelta.
Ad maiora!

Leggi tutto

Una poesia madida di luce e salsedine. / 14 Marzo 2017 in La tartaruga rossa

Dalla libertà all’emancipazione, dall’isolamento all’intrinseco legame dell’uomo con la natura, Michael Dudok De Wit, con il suo primo lungometraggio animato, dopo il corto ‘’ Father and Daughter’’, abbraccia diverse tematiche, in un mutuo sodalizio con l’amore. Co-prodotto dallo Studio Ghibli, che ha scorto nel regista e animatore olandese una similarità di intenti, La Tartaruga Rossa è un silente e suggestivo carme. Una poesia madida di luce e salsedine.
Non vi è dialogo, alla favella è preferita una comunione di emozioni, abissali e profondi, quanto la vita e la morte.
Il protagonista è un naufrago, un superstite, che sfida e cinge la natura. Il suo è un Odi et amo espressivo, ma mai lacerante, perché indaga e allo stesso tempo scopre. Il suo amore non adula, ossequia silenzioso, come parte e conseguenza della stessa libertà, che sfugge, forse, a chi si allontana troppo dal suo grembo.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.