?>Recensione | La strana coppia | Il grande Neil Simon e il...

Recensione su La strana coppia

/ 19687.882 voti

Il grande Neil Simon e il piccolo Gene Saks / 30 ottobre 2014 in La strana coppia

I grandi film si associano quasi sempre a un grande regista; le rare eccezioni risultano perciò particolarmente gustose. Chi mai potrà ricordare il nome di Gene Saks, regista di questo spassosissimo The Odd Couple? Per la maggior parte del pubblico è un vero Carneade del cinema, per gli addetti ai lavori un nome che al di là di questo si associa a qualche altro titolo di onesta tiratura commerciale. Va notato che qui ha avuto il merito di pescare il testo giusto dal generoso serbatoio del teatro di Neil Simon (dopo aver già “assaggiato” il suo pink-side con la commedia romantica “A piedi nudi nel parco” l’anno precedente), nonchè la coppia giusta già rodata dal fiuto del grande (lui sì, indubbiamente) Billy Wilder in The Fortune Cookie (da noi tradotto: “Non per soldi… ma per denaro”). Terzo merito dell’illustre (semi)sconosciuto Saks – last but not least – quello di aver portato efficacemente sul grande schermo un teatro dal modesto spazio scenico, tutto improntato sui dialoghi, scenograficamente essenziale. Mica facile! Si aggiunga comunque la doppia lode all’autore del soggetto, che qui è pure lo sceneggiatore.
Poi, vabbè, ci sono loro due. Jack Lemmon e Walter Matthau, che binomio straordinario, davvero inattaccabile. Quale sia stata la spalla e quale il motore di tanta spontanea comicità è impossibile stabilirlo; entrambi hanno funzionato benissimo anche da soli, ma in coppia beh, non ce n’era per nessuno. Da un certo punto di vista, la vulcanicità dei due è paradossalmente anche il limite del film, se per film si intende il concept finale di un rassemblement di pezzi e non l’emozione che ci arriva da dietro lo schermo. Le componenti ‘tecniche’ passano in secondo piano perchè sono meramente funzionali ai due personaggi e le loro gags. Lo stesso dicasi per il resto del cast, con gli onesti gregari hollywoodiani Herb Edelman e John Fielder e i più “televisivi” David Sheiner e Larry Haines.
Le sequenze che restano sono tante, ne eleggo una particolarmente divertente e significativa: la cenetta con le sorelle Piccioni (Monica Evans e Carole Shelley, tanta simpatia), iniziata con toni frivoli e finita nel piagnisteo di Lemmon. Memorabile.
Rimane in testa il simpatico motivetto The Odd Couple ideato dal trombettista Neal Hefti (piccola digressione: Hefti è autore di uno dei miei standards preferiti, Lil’ Darlin’, struggente slow scritto per la Count Basie Orchestra).

Lascia un commento

jfb_p_buttontext