?>Recensione | The Next Three Days | Senza titolo

Recensione su The Next Three Days

/ 20106.6189 voti

19 aprile 2011

Inizio quasi da commedia, splendido il dialogo al ristorante, per poi all’improvviso virare verso il thriller. Anche se la prima parte è un pò lenta, più sul drammatico che sul thriller con il padre che cerca di tirare avanti con il figlio e nel frattempo prova a salvare la moglie dal carcere.
Poi il film acquista ritmo soprattutto nella seconda parte. Il film si concentra più sulla metamorfosi di Russell Crowe, all’inizio un tranquillo insegnante ma che si trasforma in un uomo disposto a tutto per tirare la moglie fuori di prigione. Inoltre non cede alle tentazioni, semi-nascoste, di una bella madre (portano i figli nello stesso parco) interpretata da Olivia Wilde. Nel finale Paul Haggis poteva risparmiarsi la scena dei poliziotti che ritornano sulla scena del crimine, inoltre un pò troppo accanito il poliziotto di colore (senza troppi motivi, aveva più senso che fosse il poliziotto che aveva arrestato Lara).
Buoni interpreti, da citare anche la brava Elizabeth Banks e Brian Dennehy (il padre di John); il film è intenso e interessante, inoltre fa riflettere: quello che un uomo è disposto a fare per amore.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext