2013

Charlie Countryman

/ 20136.029 voti
Charlie Countryman
Charlie Countryman

La vita di Charlie Countryman cambia completamente quando, durante un viaggio aereo, l'uomo seduto accanto a lui muore. In maniera altrettanto inaspettata, Charlie si innamora della figlia del defunto, la bella Gabi, una ragazza rumena legata ad un pericoloso boss.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Charlie Countryman
Attori principali: Shia LaBeoufEvan Rachel WoodMads MikkelsenTil SchweigerRupert GrintJames Buckley, Ion Caramitru, Vincent D'Onofrio, Melissa Leo, Andrei Finti, Aubrey Plaza, Lachlan Nieboer, Vanessa Kirby, Montserrat Lombard, John Hurt, Cosmin Padureanu
Regia: Fredrik Bond
Sceneggiatura/Autore: Matt Drake
Colonna sonora: Christophe Beck, DeadMono
Fotografia: Roman Vasyanov
Produttore: Albert Berger, Ron Yerxa, Craig J. Flores, William Horberg
Produzione: Usa
Genere: Azione, Commedia
Durata: 108 minuti

Gran boiata / 17 Gennaio 2017 in Charlie Countryman

Un film che è un thriller che però decide di mescolare mille generi diversi, dal sentimentale all’action, dal dramma alla black comedy, addirittura quasi al fantasy, con un cast impressionante, poteva essere decisamente bello o decisamente brutto. Purtroppo, almeno secondo me, questo film rientra nel secondo caso. Comunque, la storia parla di Charlie Countryman (Shia LaBeouf) a cui muore la madre. In una sorta di visione post-morte lei gli dice di andare a Bucarest, dove farà un viaggio alla scoperta di sé stesso, lui ingenuotto e pure sfigato. Sull’aereo incontra un tizio che muore durante il volo, anche lui gli parla dopo la morte e lo prega di consegnare il regalo alla figlia. Lei (Evan Rachel Wood) è una musicista importante. I due finiscono per innamorarsi, soprattutto Charlie ci perde la testa. Ma non ha fatto i conti con il marito di lei, un gangster da non fare incavolare interpretato da Mads Mikkelsen. Già qui onestamente la storia sapeva di poco, ma la parte centrale affossa totalmente il film: troppa confusione, troppi personaggi e pochissima sostanza. Diciamo che regge appunto il cast, come detto, ricchissimo di nomi noti: oltre a quelli menzionati abbiamo Rupert Grint, Til Schweiger, Melissa Leo e Vincent D’Onofrio. Ma il film resta brutto, noioso e inconcludente comunque.

Leggi tutto

Charlie Countryman: potenziale sprecato / 15 Giugno 2015 in Charlie Countryman

Della serie, “vorrei ma non posso”.
Esplicitamente propenso alla fiaba, l’esordio di Fredrik Bond tende all’iperbole e, tramite alcune buone scelte musicali e fotografiche, si volge alla ricerca del particolare, ma si atrofizza intorno ad un andirivieni poco motivato del protagonista, il quale non affronta vere e proprie prove per conquistare l’amore, ma solo -come dire- diverse vicissitudini abbastanza fini a sé stesse. Insomma, la dimensione fantastica qui non si coniuga bene con un certo realismo di fondo.

Divertente il continuo equivoco Bucarest-Budapest, ma (banalmente) che senso ha avuto ambientare la storia in una città così lontana (non solo in senso geografico) se, poi, chiunque, laggiù parla la lingua dell’eroe ed egli, per esempio, non affronta neppure le imprevedibili difficoltà legate ad un idioma sconosciuto?

Solitamente, Evan Rachel Wood mi piace, ma confesso che, qui, complice una caratterizzazione un po’ sempliciotta del suo personaggio, l’ho trovata davvero insapore.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.