2007

The mist - Nebbia assassina

/ 20075.9224 voti
The mist - Nebbia assassina
The mist - Nebbia assassina

Alcuni abitanti di Bridgton, una piccola cittadina nel Maine, si ritrovano isolati all'interno di un supermercato da una nebbia impenetrabile che sembra nascondere mostruosi e pericolosi esseri: la situazione di precario equilibrio tra persone molto diverse, sotto pressione e terrorizzate li porterà a dover affrontare anche i mostri che si nascondono nell'animo di ognuno di noi. Tratto dall'omonimo racconto di Stephen King.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Mist
Attori principali: Thomas Jane, Marcia Gay Harden, Laurie Holden, Andre Braugher, Toby Jones, William Sadler, Jeffrey DeMunn, Frances Sternhagen, Nathan Gamble, Alexa Davalos, Chris Owen, Samuel Witwer, Robert C. Treveiler, David Jensen, Melissa McBride, Andy Stahl, Buck Taylor, Brandon O'Dell, Jackson Hurst, Brian Libby, Susan Malerstein, Mathew Greer, Juan Gabriel Pareja, Walter Fauntleroy, Amin Joseph, Kelly Collins Lintz, Ginnie Randall, Tiffany Morgan, Kim Wall, Julio Cedillo
Regia: Frank Darabont
Sceneggiatura/Autore: Frank Darabont
Colonna sonora: Mark Isham
Fotografia: Ronn Schmidt
Costumi: Giovanna Ottobre-Melton
Produttore: Frank Darabont, Liz Glotzer, Denise M. Huth, Randi Richmond, Anna Garduno, Richard Saperstein, Bob Weinstein, Harvey Weinstein
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Horror
Durata: 126 minuti

3 Dicembre 2012 in The mist - Nebbia assassina

E' senza alcun dubbio l'horror più divertente che io abbia mai visto!

Sottovalutato / 16 Maggio 2012 in The mist - Nebbia assassina

Uno dei migliori horror degli ultimi anni, pregno di un'atmosfera a metà tra l'orrore quotidiano americano di Stephen King e la mitologia lovecraftiana. Affonda le mani nei cliché del genere ma riesce a stupire con colpi di scena ben costruiti e un sottotesto sociale con spunti interessanti. Il finale, tanto amato-odiato, è secondo me il guizzo più... continua a leggere » sorprendente e geniale del film, state pure certi che non vi lascerà indifferenti. Consigliato per passare un paio d'ore di pura e sana paura dell'ignoto e dei mostri vecchio stampo.

Quando Alien incontra il fanatismo religioso e le papere di gomma / 19 Aprile 2011 in The mist - Nebbia assassina

...ovvero "triste storia di un uomo beffato dal destino".
Mamma mia, tante cose da dire, parecchie chiavi di lettura per questo film... che fondamentalmente rimane una ciofeca piena di mostri di gomma come piace a King... che però sono funzionali alla storia!
Il finale tira su il tono generale del film e lascia (finalmente) con molto amaro in bocca. Se... continua a leggere » vi piace il lieto fine, lasciate perdere.
Tutto sommato, le chiavi di lettura del film sono molto yankee comunque: la critica alla società consumista ed individualista, l'esaltazione dell'eroe americano che sfida le difficoltà e con la sua volontà e coraggio prevale, più o meno... e l'esercito, croce e delizia di questo popolo governato dalla paura di qualunque cosa; esercito che crea i problemi ma che poi arriva a risolverli, perchè comunque, in definitiva, bisogna avere fiducia nel sistema! Certo, come no... L'America genera mostri, ma poi li toglie anche di mezzo...
E infine, come reagisce l'uomo alla paura? E' meglio il fanatismo religioso della speranza contro ogni evidenza o il fanatismo razionalista che si limita a considerare lo stato attuale da cui trarre conclusioni? E' meglio il fanatismo religioso che spinge all'immobilismo o il fanatismo razionalista che spinge ad andare avanti alla cieca, nella nebbia?
O forse è meglio andare a vedere un altro film che questo, diciamolo, poteva anche essere migliore?

28 Febbraio 2011 in The mist - Nebbia assassina

Film tratto da un racconto di Stephen King intitolato “la nebbia”, contenuto nella raccolta Scheletri.
E’ questo un film che aveva delle buone possibilità di successo proprio per l’originalità della storia (scritto nel 1985) che purtroppo non è stata sfruttata al meglio. Gli attori non erano eccelsi e le scene di maggiore suspance erano scontate... continua a leggere » e prevedibili. C’è molto splatter e i soliti stupidi intoppi, i protagonisti imbranati che personalmente mi danno sui nervi (una su tutte la scena dell’accensione della mocio/torcia).
Una cosa però mi è piaciuta: lo studio del comportamento umano di fronte agli accadimenti soprannaturali e la convivenza forzata di più persone così diverse tra loro che proprio per questo reagiscono ed interagiscono tra loro in maniera diversa. La figura della fanatica religiosa è una dei punti di forza di questo film. Da guardare senza troppe pretese.