2008

The Millionaire

/ 20087.4691 voti
The Millionaire
The Millionaire

Jamal, poverissimo ragazzo diciottenne, partecipa alla versione indiana di Chi vuol essere milionario: una sola domada lo separa dalle vittoria dell'intero montepremi. La produzione del programma televisivo tuttavia è convita che lui, cresciuto negli slum di Mumbai, stia ingannando tutti conoscendo le domande in anticipo. Per questa regione viene fatto arrestare e soltanto alla Polizia rivelerà la ragione grazie alla quale conosce le risposte delle difficili domande della trasmissione. Vincitore di 8 premi Oscar tra cui Miglior Film.
Andrea ha scritto questa trama

Titolo Originale: Slumdog Millionaire
Attori principali: Dev PatelFreida PintoAnil KapoorMia Drake InderbitzinSaurabh ShuklaRajendranath Zutshi, Irrfan Khan, Jeneva Talwar, Ayush Mahesh Khedekar, Mahesh Manjrekar, Sanchita Choudhary, Azharuddin Mohammed Ismail, Tanvi Ganesh Lonkar, Anand Tiwari, Tanay Chheda
Regia: Danny Boyle, Loveleen Tandan
Sceneggiatura/Autore: Simon Beaufoy
Colonna sonora: A. R. Rahman
Fotografia: Anthony Dod Mantle
Costumi: Suttirat Anne Larlarb
Produttore: Christian Colson, Paul Smith
Produzione: India, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Romantico
Durata: 120 minuti

Geniale! / 23 Febbraio 2017 in The Millionaire

Danny Boyle nel 2009 sbanca agli Oscar vincendo ben 8 statuette con questo film decisamente particolare. Si parla infatti di Jamal, un giovane e all’apparenza ingenuo indiano che è arrivato molto avanti, praticamente al traguardo della trasmissione televisiva “Chi Vuol Essere Milionario” nel suo paese. Ma poco dopo l’introduzione, vediamo il ragazzo torturato dalla polizia: sembra proprio impossibile che lui sia arrivato così avanti, deve aver per forza rubato o ingannato. Da lì in poi si apre un ulteriore sequenza, quella principale del film, che poi si riallaccerà alle storie “d’apertura” tramite la quale scopriamo la vita di Jamal, costretto a vivere di stenti e di imbroglio con il fratello Salim per le povere e violente strade dell’India. La storia è molto drammatica (anche se non mancano dei momenti, diciamo così, più “leggeri”), dalla morte della madre, al rapimento, ai trucchi per guadagnarsi da vivere, e, soprattutto, all’incontro con Latika, una ragazza che Jamal conosce da bambino e della quale si innamora perdutamente. Colpi di scena, storia appassionante, a tratti, come detto, anche triste, ma sempre viva, il film convince in pieno. Del resto Danny Boyle non è certo il primo arrivato, ed è riuscito a creare un film che inserisce vari generi senza però fare un clamoroso e scontato “mescolone”, ma riuscendo invece a creare qualcosa di diverso ed interessante. Davvero consigliato a tutti, io stesso ero un po’ scettico, ma mi sono ampiamente ricreduto.

Leggi tutto

10 Dicembre 2013 in The Millionaire

Una storia incredibile dall’ambientazione fotografata in maniera davvero eccezionale che parla delle baraccopoli indiane, del riscatto, dell’amore in una vita in cui nulla è per caso. Unica nota stonata: un Dev Patel forse un po’ troppo imbalsamato

Il peggior oscar di sempre? / 15 Ottobre 2013 in The Millionaire

Banale, ripetitivo, alla continua ricerca di facili sentimentalismi, un Romeo e Giulietta indiano con la tensione a zero di una qualsiasi puntata di “Chi vuol essere milionario”. Aggiungeteci un finale da Baci Perugina e vi mancherà il tanto criticato Titanic.

21 Aprile 2013 in The Millionaire

Un bel film, ma non un capolavoro. Forse un po’ sopravvalutato….

24 Marzo 2013 in The Millionaire

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Sono indietro coi film, morte!! Danny Boyle pesca il jolly e tira fuori un film con il piede in mille scarpe di fogge diverse, adatto per un pubblico più o meno di due miliardi di persone, very global, occidente + india. Per fortuna non c’è Gerry Scotti, per fortuna ad un certo punto smettono di farsi inseguire da chiunque in baraccopoli, che cominciavo a esser stufo, per fortuna il finale era bello e lieto già di suo, chi ha sbagliato ha pagato e abbiam sofferto tantissimo, è indicibile quanto tantissimo e lei è proprio gnocca, quando mi mettono anche un balletto da classicone bollywoodiano e io son così sensibile a queste cose e mi squaglio e lucciconi e balliamo tutti insieme sentendoci molto punjabi in una stazione dei treni. E il protagonista, che si intamarrisce solo alla fine con canottierazza, magari a casa sua è pure un figo, ma qui deve far lo sfigato. Gli indiani son così, hanno degli attori che a noi sembrano sfigati pazzeschi e invece là sono tutti Brad Pitt. Boh.

Leggi tutto