4 Recensioni su

Il tocco della medusa

/ 19786.813 voti
Il tocco della medusa
Regia:

Artigianato di altissimo livello / 28 Ottobre 2022 in Il tocco della medusa

La trama, allo spettatore di oggi, potrebbe non risultare nuovissima. Ma ai tempi aveva un’originalità che non passava inosservata. Di extra, rispetto a molti film coevi pur buoni, ha la qualità dei tre interpreti principali: Burton è monumentale, ma la fragile Remick e il virile Ventura gli tengono testa senza sfigurare.

Un triangolo scaleno / 1 Febbraio 2022 in Il tocco della medusa

Un triangolo scaleno, il romanziere, l’investigatore, la psichiatra al centro di eventi tra cronaca e soprannaturale. Un intreccio piuttosto semplice si articola in alcune analessi che drammatizzano il passato inquietante del protagonista. Nella storia spiccano alcuni episodi: il bambino che guarda le foglie scarlatte, la veemente arringa dell’avvocato a difesa del pacifista, i primi cedimenti strutturali del tempio cristiano…. Regia e montaggio sobri, se si esclude un po’ di enfasi sui disastri, senza trascurare una denuncia del potere con la sua ipocrisia ed una riflessione destabilizzante sull’inesplicabilità del Male.

Leggi tutto

The Dark Side of the Mind. / 20 Agosto 2014 in Il tocco della medusa

(Sei stelline e mezza)

Caso curioso di trama facilona, a tratti oserei dire infantile, che, però, funziona alla grande e che ha il piacevole sapore di un racconto gotico di maniera, correttamente calibrato.
Pulito, lineare ed efficace l’uso dei flashback.
Come l’ispettore, la psicanalista ed il medico, anche lo spettatore si arrovella per comprendere se i presunti poteri del protagonista siano reali o frutto di allucinazioni create da una mente sensibile ed ormai definitivamente compromessa.
Vi confesso che lo sguardo di Richard Burton, più volte chiamato in causa come elemento perturbante della vicenda (ecco la Medusa, quindi), in me ha instillato più pena che angoscia: il suo personaggio è un uomo profondamente solo che ha nella propria ossessione l’unica compagna di vita, i suoi principi sono retti e giusti (vedi, l’arringa che non salva il suo cliente pacifista), ma la solitudine ed il timore di non saper gestire la parte oscura della sua mente (non è un caso che gli astronauti che muoiono all’inizio del film vengano “inghiottiti” dalla parte non visibile della Luna) lo spaventano e confondono fino alla follia.
Ventura decisamente bravo, come sempre.
Datato, ma -ribadisco- interessante.

Leggi tutto

4 Gennaio 2014 in Il tocco della medusa

Devo ammettere che Il Tocco della medusa senza Richard Burton probabilmente non sarebbe mai nemmeno entrato in produzione. Burton riesce ad immedesimarsi così bene con il suo personaggio che ci travolge e coinvolge supportando alla grandissima una trama sostanzialmente semplice. Suo contraltare un Lino Ventura strepitoso, un ispettore scontroso, spigoloso in trasferta a Londra, che mal sopporta i retaggi anglosassoni. Il regista comprendendo la grandezza del cast, dirige stando nell’ombra, mai sopra le righe ed è lì secondo me la grandezza del film. Spezzoni di documenti reali (o pseudo tali) sono inseriti ad arte, instaurando nello spettatore il semplice tarlo del dubbio. Nulla è appalesato con sicurezza, fino alla fine ci si sente strangolati tra realtà empiriche e dubbi, tra scienza e oscuro, in un crescendo di sana tensione. I mezzi tecnici per gli effetti speciali del film sono limitati, ma ben sfruttati. La scena finale con l’oscilloscopio che impazzisce mentre tutto sembra finito è degna de ” Gli uccelli” di Hichcock. Consigliato per il sabato sera.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.