L'uomo che uccise Liberty Valance

/ 19628.053 voti
L'uomo che uccise Liberty Valance

L'avvocato Stoddard è diventato senatore dopo aver ucciso il feroce bandito Liberty Valance. Raccontando la storia ad un giornalista, si scoprirà che il vero protagonista è Doniphon, uno degli ultimi pionieri del West in una società che sta cambiando.
marcomaffei12 ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Man Who Shot Liberty Valance
Attori principali: John WayneJames StewartVera MilesLee MarvinEdmond O'BrienKen Murray, John Carradine, Jeanette Nolan, Andy Devine, John Qualen, Willis Bouchey, Carleton Young, Woody Strode, Denver Pyle, Strother Martin, Lee Van Cleef, Robert F. Simon, O.Z. Whitehead, Paul Birch, Joseph Hoover, Charles Akins, John Barton, Rudy Bowman, Chet Brandenburg, Jerry Brown, George Bruggeman, Noble Chissell, Russell Custer, Duke Fishman, Fritz Ford, Herman Hack, Jack Kenny, Richard LaMarr, Jack Lilley, Buddy Roosevelt, Jack Tornek, Sid Troy, Ralph Volkie, Max Wagner, Blackie Whiteford, Gertrude Astor, Helen Gibson, Eva Novak, Dorothy Phillips, Mario Arteaga, Chuck Hayward, Chuck Roberson, Jack Williams, Frank Baker, William Henry, Danny Borzage, Dick Cherney, Chuck Hamilton, Sam Harris, Lars Hensen, Tex Holden, Stuart Holmes, Jimmie Horan, Jack Perrin, 'Snub' Pollard, Robert Robinson, Scott Seaton, Rudy Sooter, Carl M. Leviness, King Mojave, Shug Fisher, Ben Frommer, Jack Pennick, Phil Schumacher, Tom Hennesy, Bryan 'Slim' Hightower, Earle Hodgins, Michael Jeffers, Tom Smith, Cap Somers, Eddie Jauregui, Charles Morton, Ethan Laidlaw, Anna Lee, Ted Mapes, Montie Montana, Slim Talbot, Bob Morgan, Charles Seel, Bud Cokes, Jane Crowley
Regia: John Ford
Sceneggiatura/Autore: Willis Goldbeck, James Warner Bellah
Colonna sonora: Cyril J. Mockridge, Irvin Talbot
Fotografia: William H. Clothier
Costumi: Edith Head, Ron Talsky
Produttore: Willis Goldbeck, John Ford
Produzione: Usa
Genere: Azione, Thriller
Durata: 123 minuti

9 Dicembre 2014 in L'uomo che uccise Liberty Valance

Un lungo fhash back,che copre la durata di quasi tutto il film, ci porta a Shinbone, la cittadina dove il protagonista, il senatore Stoddard, diede inizio alla sua carriera politica.
La storia non fa altro che mettere a confronto l’est e il west. La legge dell’est contro le leggi non scritte del west, il deserto contro il giardino, la cultura contro l’analfabetismo, la civilizzazione contro l’inciviltà. Tutto ciò viene metaforizzato dal procuratore legale Ransom che viene dall’est e la cittadinanza di Shinbone, dove troviamo il noto fuori legge Liberty Valance, baluardo della violenza negativa, Doniphon della violenza “positiva”; interessanti poi sono la figura dello sceriffo fifone, del giornalista, della cameriera Hallie e dello schiavo Pompeo; ognuno di loro denuncia un problema di quella terra, come nel caso di Vera Miles (Hallie) quello di essere analfabeta.
Tom è un uomo che difende costantemente Ran dagli attacchi di Valance, è il cosidetto eroe fordiano, qui con dei tratti leggermente mutati; emergono i suoi sentimenti nei confronti della graziosa cameriera che gli danno una fragilità emotiva senza precedenti, una tale debolezza che culmina nel finale con una scena davvero insolita nel genere.
Doniphon e Stoddard raccontano due realtà lontanissime fra loro ma allo stesso tempo il film parla della loro unione che è legata dall’uccisione di Liberty Valance; Tom e Ran sono leggenda e realtà di una storia dove a prevalere sarà la leggenda, il mito del west.
Interessante come il regista dia spazio ai sentimenti attraverso un vero e proprio trio amoroso formato da Hallie, Tom e Ran; è un western che vede prevalere il dialogo dei personaggi, in particolare quelli con lo sceriffo e il giornalista, con Hallie, Pompeo e con la cittadinanza tutta, questo quasi sempre all’interno della cucina del ristorante, poche infatti sono le ambientazioni esterne, che erano invece il locus amoenus del western.
Questo di John Ford, è inoltre uno degli ultimi western che a differenza di altre sue opere a colori, realizza in bianco e nero in quanto la Paramount insistette per la realizzazione di un film dal budget più basso, ma questa come abbiamo visto non è l’unica novità in un film che racconta non solo il west ma anche la crisi di quel genere che negli anni Sessanta entrò in una fase crepuscolare, segnata dalla smitizzazione di prototipi e dei valori consolidati dalla tradizione.

Leggi tutto

Il colpo giusto / 29 Luglio 2014 in L'uomo che uccise Liberty Valance

Di certi registi si dice che non invecchino mai; di John Ford invece si può dire tranquillamente: beh, ecco uno che col tempo è serenamente invecchiato. Anzi, si è quasi asserragliato senza mai compiere un balzo evolutivo dal suo cinema, dimostrando ogni volta di più che per lui la settima arte era l’espressione del suo immaginario, del suo stile di vita, della sua morale. John Ford ha concesso nella sua filmografia pochissime fughe dal ranch delle sue idee; tutt’al più ha mostrato altri orizzonti, dalle verdi colline d’ Irlanda alle tempeste della Polinesia, lasciando per un attimo canyons e cactus, ma ha tracciato in fondo sempre il medesimo cerchio.
L’uomo che uccise Liberty Valance si colloca nei primi anni ’60, quando il cinema esplorava assatanato ogni anfratto dell’animo umano, e si scaldava nel ribollire politico e sociale di una nuova generazione. Marmoreo come una pietra tombale, è una delle innumerevoli twilight-zone del genere western (vi risparmio il “crepuscolare” stavolta). Decreta sì la vittoria della legge sulla pistola selvaggia, ma rimarcando il fatto che prima di arrivare a questa pacifica supremazia deve essere partito comunque il colpo giusto. Il magnifico James Stewart, procuratore legale in erba (e si noti: nonostante l’attore avesse abbondantemente superato la cinquantina…), grida al vecchio West come un profeta nel deserto la superiorità del tribunale alla dura legge della vendetta personale. Il coriaceo John Wayne, bolso e claudicante ma sempre vero duro della frontiera, lo prende in simpatia ma resta legato al suo cinturone. La bella di turno – Vera Miles – si dibatte tra l’amore tradizionale, virile e rassicurante di Wayne, e l’amore istruito e progressista di Stewart. La carriera politica del futuro senatore Stoddard deve il suo fulgore all’aurea di leggenda da cui nasce; quel colpo che stese il bandito Valance (Lee Marvin), di cui alla fine si svelerà confidenzialmente l’origine.
Su tutto, c’è da ricordare l’incendiario crollo psicologico di Wayne impazzito per amore, filmato da Ford con gran tensione drammatica. L’uomo tutto d’un pezzo che cade a pezzi è sempre una gran lezione di vita, in fondo.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.