Recensione su The Last Station

/ 20106.857 voti

16 Settembre 2012

L’intero film sembra girare attorno ad un’unica vicenda : la firma ad un testamento, che toglierà i diritti delle opere alla famiglia per passarli ad una compagnia devota allo scrittore.
Intorno a questo ruotano le tensioni della moglie di Lev, evidentemente preoccupata della sorte di ciò che suo marito è stato in grado di creare, la pressione di Chertkov che vuole a tutti i costi ottenere questa firma -giustificando l’atto come l’unico modo per diffondere la parola di Tolstoj al maggior numero possibile di persone- ed infine gli sconvolgimenti amorosi del nuovo segretario che saranno utili per capire quello che, le opere, volevano davvero trasmettere.
Il voto è 6 perchè non ho trovato nulla di davvero sconvolgente in questo film, ho amato -come detto da altri- il potere espressivo, soprattutto legato allo sguardo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext