1972

L'ultima casa a sinistra

/ 19726.548 voti
L'ultima casa a sinistra
L'ultima casa a sinistra

Due giovani ragazze, Mary e Phyllis, cadono nelle grinfie di una banda di psicopatici capitanata dal perverso Krug, che le violenta e tortura per poi ucciderle. Durante la fuga, la banda cerca riparo per la notte nella casa dei genitori di Mary. Intuita la verità, la coppia cercherà di farsi giustizia. Ispirato al film La fontana della vergine di Ingmar Berger.
scimmiadigiada ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Last House on the Left
Attori principali: Sandra PeabodyLucy GranthamDavid HessFred J. LincolnJeramie RainMarc Sheffler, Richard Towers, Cynthia Carr, Ada Washington, Marshall Anker, Martin Kove, Ray Edwards, Jonathan Craven, Anthony J. Forcelli, Steve Miner
Regia: Wes Craven
Sceneggiatura/Autore: Ulla Isaksson
Colonna sonora: David Hess
Fotografia: Victor Hurwitz
Costumi: Susan E. Cunningham
Produttore: Sean S. Cunningham
Produzione: Usa
Genere: Thriller, Horror
Durata: 84 minuti

/ 31 Gennaio 2017 in L'ultima casa a sinistra

Altro Cult. Ispirato a “Jungfrukällan” di Ingmar Bergman, tra i film più imporanti del filone ‘rape & revenge’ (superato, secondo me, da “Day of the Woman”). Anche qui, pur sottolineando il disgusto per gli stupratori, Craven non risparmia la critica contro l’ipocrisia della classe borghese, tanto pulita di facciata quanto corrotta e spietata nei fatti. Inoltre, si fa beffe dei poliziotti, mostrati come delle macchiette ridicole il cui intervento si dimostra completamente inutile. Un Cult!

Leggi tutto

“Canis canem edit” / 30 Agosto 2015 in L'ultima casa a sinistra

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Primo film diretto da Wes Craven e che prende ispirazione da “La fontana della vergine”. Beh, secondo me dal capolavoro bergmaniano prende poco o niente, ma non l’ho trovato malaccio come film. C’è questa ragazza che, il giorno del compleanno, va con una sua amica a vedere uno spettacolo teatrale. Strada facendo le tipe ne approfittano per comprare dell’erba da qualcuno e finiscono per trovarsi alla mercé di un gruppo di sadici criminali che le portano in un bosco per poi torturarle e ucciderle. Poi la sorte vuole che la banda di manigoldi si rechi a casa dei genitori della protagonista, spacciandosi per eleganti uomini d’affari. Alla fine vengono scoperti e fatti a pezzi con la stessa brutalità.

Come già detto horror interessante e abbastanza cruento (non è un caso che sia stato bandito in alcuni paesi), intriso di un pizzico di ironia con cui sembra che Craven si prenda gioco del conservatorismo di un certo tipo di famiglia americana (anche se gli stessi genitori, moglie e marito perfetti, si trasformano a loro volta in assassini ancor più sadici dei carnefici della loro figlia), ma anche dell’inaffidabilità delle forze di polizia, incapaci di trovare le ragazze scomparse. Un punto in più per la colonna sonora.

Leggi tutto

14 Novembre 2013 in L'ultima casa a sinistra

Esordio alla regia per Wes Craven…….film crudo,violento,che mette subito in evidenza la bravura del regista…….un tema scottante come la violenza sulle donne e il mondo della droga che dà sfondo alla banda di psicopatici…….il film è ben congeniato e riesce bene al regista il “gioco” dei carnefici che poi diventano in seguito le vittime……all’uscita nelle sale il film suscitò molte polemiche e se non sbaglio qualche censura…….da vedere….

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.