Recensione su The Jacket

/ 20056.9110 voti

2 Febbraio 2012

Discreto film che mixa diverse idee per uno spunto abbastanza originale.
L’inizio è abbastanza confuso e lento con vari flashback del passato di Jack Stark (interpretato dal bravissimo Adrien Brody) e la sua reclusione in manicomio; ormai la perdita di memoria è abbastanza abusata negli ultimi film dopo essere stata sfruttata magnificamente da Nolan in Memento.
Abbastanza agghiacciante l’idea di rinchiudere qualcuno in un loculo dell’obitorio (anche se Jack Stark lo chiama continuamente cassetto, dà più l’idea del loculo dove vengono rinchiusi i cadaveri).
Poi il film decolla abbastanza nella seconda parte; nei viaggi temporali di Jack dove incontra una ragazza un pò particolare (la bellissima Keira Knightley in una parte intensa). Sull’identità della sconosciuta ci si mette circa un secondo a capire chi possa essere ma il regista non aveva l’obiettivo di tenere nascosta la sua identità.
Il film mi ha sollevato anche qualche dubbio, uno dei quali dovrei averlo già rimosso, legato sempre alle leggere incongruenze dei viaggi del tempo.
Il finale è abbastanza aperto e non si sofferma troppo sulle spiegazioni.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext