Recensione su The Italian Machine

/ 19766.02 voti

Carino. / 19 marzo 2013 in The Italian Machine

Mi sono appena sparato un corto, non troppo famoso, scritto e diretto dall’invece famoso Cronenberg David. Un corto non famoso di un regista famoso ? Don che ca**o scrivi ? Cronenberg è un regista che conosciamo tutti, ha fatto parlare di sé e del suo stile in tutte le lingue. E’ il 1976 quando egli elabora The Italian Machine. Titolo forte ma per me ciò che ho guardato rimarrà sempre impresso nella mia testa come “Le moto italiane non perdono olio”.
La frase è una battuta che sentiamo nel cortometraggio. La sua durata è di una quindicina di minuti, i quali scorrono facili, leggeri, trenta minuti curiosi non c’è che dire. Interessante.
La protagonista di questa incredibile e a mio avviso divertente avventura è una moto, una Ducati 900 Desmo Supersport. Essa è venerata come un santone, un moderno oggetto di culto per il motociclista Lionel, altro protagonista della vicenda. L’uomo e la macchina, un rapporto d’amorosi sensi o di desiderio. Ecco, il punto è che non è sua, la Ducati è stata venduta ad un collezionista.
Quello che manda ai pazzi il povero Lionel, oltre al fatto che la moto non sarà mai sua poiché la caparra versata dal riccone è alta, è come il bolide venga trattata dallo stesso. Mouette, nome del collezionista, l’ha messa in salone come un mobile fra le tante sculture d’arte moderna della casa.
Lionel impazzisce e l’unico modo per farlo tornare in sé è dargli la sua “dose”. Non è droga ma viene semplicemente messo un vinile con il rombo dei motori delle moto come tracce musicali. Abbastanza divertente non trovate ?
Come fare ad ottenere la Ducati ? Bisogna essere veloci, puliti, brutali. Bisogna fare una cosa alla Gestapo. Un piano semplice ed efficace, si penetra nella villa, si seduce la bella moglie fedigrafa e si corrompe una specie di schiavo, Ricardo.
Nell’era dell’automazione anche gli uomini sono opere d’arte quindi oltre alla moto perché no ?
Perché non mettere o comprare un uomo e conservarlo come una scultura o un qualsiasi oggetto. Questo è Ricardo e la
sua unica pecca è l’uso e abuso di cocaina
Ciò verrà usato a vantaggio di Lionel e del gruppo dei suoi.
Riusciranno i nostri a prendere la tanto ambita moto ?
Lo scoprirete solo vedendo il corto che potete trovare nell’album ad essi dedicato.
Oppure qui se vi pesa di andare sulla mia pagina xD

Note del Don.
Nei titoli di coda: Mario Cacioppo make up lol

DonMax

Lascia un commento

jfb_p_buttontext